Quando si decade dal beneficio della rateizzazione delle cartelle esattoriali

Per le dilazioni concesse dal 22 ottobre 2015 (a seguito delle modifiche apportate dal Dlgs n. 159/2015), il piano di rateizzazione viene meno se non paghi cinque rate del piano, anche non consecutive.

Per i piani di rateizzazione decaduti entro il 30 giugno 2016 è possibile chiedere la riammissione al beneficio. Da questo nuovo piano si decade in caso di mancato pagamento di due rate, anche non consecutive.

Quando scade una rata, è possibile pagarla lo stesso con i bollettini che ricevuti?

L'importo indicato nel bollettino RAV è valido fino alla data di scadenza.

Se paghi successivamente, è necessario chiedere l'aggiornamento dell'importo recandoti presso: sportelli, sito, gli uffici postali, i tabaccai convenzionati, con banca ITB, i punti vendita Sisal e Lottomatica e gli sportelli bancari.

Se non avete ricevuto i bollettini della rateizzazione, per poter pagare entro la scadenza, è necessario disporre delle credenziali di accesso, così da recuperare i bollettini dall'area riservata del sito di equitalia.

In alternativa è possibile recarsi presso uno degli sportelli.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando si decade dal beneficio della rateizzazione delle cartelle esattoriali. Clicca qui.

Stai leggendo Quando si decade dal beneficio della rateizzazione delle cartelle esattoriali Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 26 ottobre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 16 novembre 2016 Classificato nella categoria dilazione della cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info