Rateizzazione delle cartelle esattoriali di equitalia

Puoi rateizzare le cartelle, gli avvisi di addebito e gli avvisi di accertamento, sia scaduti sia a scadere: puoi anche decidere di rateizzare solo alcune cartelle: ricorda però che le cartelle scadute e non rateizzate ti espongono a eventuali procedure esecutive e cautelari.

Solleciti o avvisi di intimazione non sono di per sé rateizzabili, ma lo sono, se ne ricorrono le condizioni, gli atti in essi contenuti.

Per debiti complessivi fino a 60 mila euro, se disponi delle credenziali di accesso puoi richiedere la rateizzazione nell'area riservata sito di Equitalia.

Altrimenti, puoi presentare l'istanza di dilazione attraverso i modelli reperibili presso lo sportello oppure sul sito internet, a seconda che tu sia una persona fisica o un'impresa.

L'istanza potrà essere presentata allo sportello o inviata per raccomandata con un documento di identità allegato.

Se è tutto a posto, ricevi il piano di ammortamento e i bollettini per pagare; altrimenti, ti inviamo la richiesta di integrazione dell'istanza ed, eventualmente, il suo successivo rigetto.

Puoi decidere tu quante rate chiedere, a secondo della tua situazione economica.

L'importo minimo della rata è di 50 euro e il numero massimo di rate è 72 per le rateizzazioni ordinarie, 120 per quelle straordinarie.

Puoi richiedere un piano di ammortamento con rate costanti o crescenti, qualora tu preveda che la tua situazione economica migliorerà in seguito.

Da notare che alcuni tributi che puoi trovare in cartella non sono rateizzabili da Equitalia, ma direttamente all'ente creditore.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rateizzazione delle cartelle esattoriali di equitalia.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.