Rateizzazione avvisi bonari dell'Agenzia delle entrate

L'Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione un software per calcolare il pagamento “a rate” di avvisi bonari relativi ad omessi versamenti di imposte, ricevuti a seguito del controllo formale delle dichiarazioni ─ ex articolo 36 bis ─ o controllo documentale ex articolo 36/ter del DPR 600/1973.

Con la regolarizzazione degli avvisi bonari, le imposte (impagate alla scadenza) sono gravate della sanzione del 10%, ma il pagamento potrà essere effettuato con “rate trimestrali”, che variano da 6 rate trimestrali (1 anno e mezzo, per avvisi bonari fino a 2.500 euro) fino ad un massimo di 20 rate trimestrali (5 anni per importi superiori a 5.000 euro), chiaramente aumentati degli interessi legali del 2,5% su base annua.

Quindi, chi non ha effettuato alla scadenza i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi, e non ha neanche utilizzato ─ successivamente ─ il ravvedimento operoso (con la sanzione del 3% se il pagamento è effettuato entro 30 giorni dalla scadenza, o con la sanzione del 3,75% se si paga oltre i 30 giorni dalla scadenza, ma entro il 30 settembre dell'anno successivo a quello dell'omesso versamento) potrà attendere l'arrivo dell'avviso di bonario, che ripetiamo permette il pagamento con rate trimestrali.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rateizzazione avvisi bonari dell'agenzia delle entrate.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.