Rateazione equitalia » otto il numero di rate, anche non consecutive, oltre le quali si decade dal beneficio

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Il Decreto del Fare ha previsto, per imprese e famiglie in difficolta` nel pagamento delle cartelle esattoriali, la possibilita` di richiedere ad Equitalia una rateazione fino a un massimo di 120 rate mensili (10 anni), anziche` le ordinarie 72 rate mensili, proprio nei casi in cui il cittadino si trovi, per ragioni che non dipendono dalla propria responsabilita`, in una grave e comprovata situazione di difficolta` legata alla congiuntura economica.

Possono quindi usufruire di tale dilazione i contribuenti non in grado di pagare il debito secondo la rateazione ordinaria (72 rate mensili) e che, invece, possono sostenere un piano di dilazione piu` lungo.

Il Ministro dell'Economia e delle Finanze ha definito le modalita` di richiesta dei piani di rateazioni straordinari in 120 rate (10 anni) ed il "Decreto del Fare" ha elevato a otto il numero di rate, anche non consecutive, oltre le quali si decade dal beneficio della rateazione.

10 dicembre 2013 · Andrea Ricciardi

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • marion 3 gennaio 2014 at 15:17

    Salve. Mio zio aveva chiesto la rateazione di un debito ed è riuscito a pagare un paio di rate ma purtroppo è deceduto un mese fa e il 31/12/2013 scadeva una rata che NON è stata pagata. Cosa succede ora? La successione ancora non è stata fatta.
    Il debitore vanta un credito verso l INPS per gli arretrati dell indennità di accompagnamento che non sono ancora arrivati .
    Si possono compensare debiti e crediti?
    Aspetto vs.notizie.
    Saluti
    Mariolina

    • Ludmilla Karadzic 3 gennaio 2014 at 15:30

      L'apertura della successione individuerà gli eredi, vale a dire i chiamati che accetteranno l'eredità. Gli eredi diventeranno titolari dei debiti e dei crediti del de cuius. Come tali, potranno chiedere all'INPS la compensazione fra dare e avere.