Rate anche per la spesa

Ecco le carte di credito con fido incorporato: allarme di Caritas e San Vincenzo.

Dopo la tv a rate, il computer a rate, il soggiorno a rate, la vacanza a rate: adesso siamo arrivati alla borsa della spesa. A rate pure quella, grazie alle carte di credito con fido incorporato. “Comode”, ovviamente, ma comunque da pagare prima o poi, e con gli interessi. Questa è la dimostrazione più concreta secondo Caritas, San Vincenzo, Centro consumatori che una fascia sempre più ampia del ceto medio fa fatica ad arrivare a fine mese. Se poi dovesse esserci un imprevisto, è il patatrac.

«Forse, in una società in cui la cosa più importante è apparire, qualcuno vive al di sopra delle proprie possibilità - dice Mauro Randi, direttore della Caritas - ma l'impressione è che una larga fetta del ceto medio stia ormai raschiando il barile. Ovvero, non ce la faccia più con lo stipendio ad arrivare a fine mese. Particolarmente colpiti da questa situazione gli anziani: gente con grande dignità che tira la cinghia, rinuncia a tutto, ma non chiede nulla a nessuno. Si vergogna».

Finora, ci sono stati una serie di segnali che annunciavano le crescenti difficoltà, ma il più preoccupante è arrivato recentemente e riguarda la possibilità offerta dalle catene della grande distribuzione di fare la spesa a rate. Compri oggi e paghi fra due-tre mesi, con “comode rate”.
«Siamo tornati al dopoguerra - commenta Giovanni Benussi, presidente della San Vincenzo - quando la gente era costretta ad indebitarsi per mangiare».

l guaio è che prima o poi il conto arriva e con gli interessi ovviamente, visto che le catene della grande distribuzione non risulta facciano beneficenza ai clienti.
«Il conto - mette in guardia Walter Andreaus, responsabile del Centro consumatori - è spesso salato, perché magari si sono accumulate le rate oltre che della spesa, del televisore al plasma, del computer, del divano, della macchina. Piccoli importi che alla fine diventano grandi e una famiglia non ce la fa più».

Principale responsabile del carovita: l'euro. Al quale, nel corso degli anni, si sono aggiunti una serie di rincari a fronte di stipendi rimasti di fatto invariati.

«Come se non bastasse - dice Benussi - adesso bisogna mettere in conto l'aumento dei mutui. E se finora una famiglia impegnava uno stipendio per pagare il mutuo della casa, dopo i rincari non basta più, ne servono quasi due. Non c'è da stupirsi dunque se le famiglie sono costrette a comprare anche la spesa a rate. Si spera probabilmente che il mese successivo le cose miglioreranno, ma purtroppo non è così. I debiti semplicemente si accumulano».

l risultato è che si allunga la lista di coloro che si rivolgono alla San Vincenzo per avere abiti e alimentari.
«Prima - assicura il presidente Benussi - a prendere la borsa della sopravvivenza arrivavano barboni, famiglie di extracomunitari, nomadi; adesso c'è gente che non ti aspetti che si rivolge a noi per mangiare. Spesso si vergognano, ma non hanno alternative».

(25 ottobre 2007)

10 novembre 2007 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.