Rapporto fra sovraindebitamento e usura

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Il passo dal sovraindebitamento all'usura non è considerato automatico ed inevitabile, in quanto la maggioranza delle famiglie sovraindebitate non evolve nell'usura ma bensì nella povertà, anche se, è altresì vero che in molti casi di usura è stato riscontrato una lunga fase di indebitamento precedente all'usura stessa.

Tutte le ricerche condotte in quest’ambito che si sono occupate di questi due fenomeni e della relazione intercorrente tra di loro, hanno sottolineato come tra sovraindebitamento ed usura non ci sia un nesso lineare che vuole l'uno come diretta conseguenza dell'altro.

Si è affermato piuttosto che si tratta di un percorso da intendersi come processo complesso, implicante una serie di fasi storico-temporali durante le quali l'individuo interagisce con i diversi attori coinvolti (la famiglia, la rete sociale, le istituzioni, gli istituti di credito).

All'interno di questo processo la vittima assume un ruolo attivo, auto determinandosi con le proprie scelte ed arrivando a definire il proprio percorso di vittimizzazione.

Per fare una domanda sul rapporto fra sovraindebitamento ed usura, sulle cause del sovraindebitamento, sul come uscire da una situazione di sovraindebitamento, sui debiti in generale, sull'usura e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

27 novembre 2007 · Loredana Pavolini

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.