Anche l'autorità per la tutela della privacy ritiene legittima la raccolta e la pubblicazione di informazioni sui debitori provenienti dai pubblici registri

Con il provvedimento n° 211 del 19 luglio 2012 l'Autorità per la tutela della privacy ha ritenuto infondato il ricorso di "cattivo pagatore" che ha chiesto di ottenere la cancellazione dagli archivi di Experian Information Services S.p.A. delle informazioni che lo riguardavano relative ad un pignoramento immobiliare.

A giudizio dell'Autorità per la tutela della privacy, le informazioni trattate da Experian avevano per oggetto dati personali tratti da pubblici registri e quindi, in termini generali, utilizzabili senza il consenso dell'interessato ai sensi dell'articolo 24, comma 1, lettera c), del codice in materia di protezione dei dati personali, che di seguito si riporta a beneficio del lettore.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su anche l'autorità per la tutela della privacy ritiene legittima la raccolta e la pubblicazione di informazioni sui debitori provenienti dai pubblici registri. Clicca qui.

Stai leggendo Anche l'autorità per la tutela della privacy ritiene legittima la raccolta e la pubblicazione di informazioni sui debitori provenienti dai pubblici registri Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 5 giugno 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi e conseguenze Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info