Il paradosso - la fila per far credito ad un soggetto fallito e già esdebitato

Laura Fogle è, socialmente, il tipico essere umano che viene così spremuto.

Infermiera professionale, ha un lavoro fisso e pagato abbastanza bene per gli standard USA (16 dollari l'ora, sui 2.500 dollari mensili); ha anche l'assicurazione sanitaria. Ma l'anno scorso ha dovuto subire un'operazione per cancro all'utero, perdendo ore di lavoro e quindi reddito. Le sue carte di credito l'hanno tenuta a galla. Fino a un debito accumulato di 15 mila dollari, sei volte il suo stipendio mensile. Lo scorso agosto Laura ha presentato la richiesta di fallimento al tribunale, e quel suo debito è stato cancellato. Ora le banche la tempestano di offerte di nuove carte di credito: anche se, visto che è già fallita, al 23 % d'interesse. Sono 85 milioni gli americani che possiedono almeno una carta di credito. Di questi, il 60 % è «in rosso», ossia non paga interamente il debito contratto ogni mese. Il debito medio di ciascuno di loro si aggira sui 9 mila dollari. Non è una cifra enorme. Ma, ha calcolato la Federazione dei Consumatori USA, basta per agganciarli nella trappola.

Le banche consentono di pagare solo il 2% mensile del «rosso»: il che significa che per ripagare i 9 mila dollari, ci vogliono - al tasso del 18% - ben 42 anni. Per gli usurai è questo il cliente ideale: quello che lavora tutta la vita per arricchire loro. E infatti, anche se nell'ultimo decennio i fallimenti sulle carte sono cresciuti del 17%, i profitti delle banche su questo business sono cresciuti del 163 % in 8 anni. Oggi superano i 30 miliardi di dollari. I privati americani, nel complesso, sono in rosso sulle carte di credito per 800 miliardi di dollari, cifra pari a quasi una volta e mezzo il PIL della Cina. E questo debito è aumentato del 31% nei soli ultimi cinque anni.

Varie inchieste hanno appurato che un terzo degli americani a reddito basso o medio-basso ha usato la carta di credito per acquistare beni necessari: alimenti, generi di uso casalingo, e per pagare gli affitti. Restando «in rosso» quattro mesi su 12.

Ad aggiudicarsi il primato dei «migliori» debitori sono gli individui fra i 50 e i 64 anni, con un debito ciascuno di 9.124 dollari in media.

Ecco perché le banche estere ardono dal desiderio di impiantarsi in Italia: qui gli italiani hanno ancora un polmone di risparmi, benché in diminuzione. Vogliono fare di noi un popolo di allegri debitori, ora che la maggior parte del ceto medio restringe le spese nella quarta settimana. Perché restringersi? Ecco qui una carta di credito, comprate quel che volete.
Un popolo che non s'indebita fa rabbia agli usurai, scrisse Ezra Pound. E gli usurai vogliono amarci.

Maurizio Blondet da EFFEDIEFFE.COM

10 novembre 2007 · Antonio Scognamiglio

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il paradosso - la fila per far credito ad un soggetto fallito e già esdebitato.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.