Quando Equitalia definisce un soggetto inadempiente - La compensazione diretta delle cartelle esattoriali non pagate con i crediti vantati nei confronti della PA

Com'è noto, la Pubblica Amministrazione, prima di corrispondere a chiunque un importo superiore a diecimila euro, deve inoltrare ad Equitalia una richiesta di verifica della posizione debitoria del beneficiario. La procedura di accertamento, affidata ad Equitalia, si sostanzia nel verificare l'eventuale morosità del beneficiario rispetto all'obbligo di pagamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento, comunicando, poi, al soggetto pubblico richiedente l'importo dovuto dal beneficiario.

A nulla vale la circostanza che il beneficiario abbia impugnato le cartelle esattoriali a lui notificate. Secondo il Consiglio di Stato (sentenza numero 4694/14) in assenza di provvedimenti giurisdizionali di sospensione cautelare, o di definitivo annullamento delle cartelle o dei ruoli, l'obbligo di pagamento resta valido ed efficace ed il soggetto che non effettua il versamento delle somme nel termine di 60 giorni è legittimamente qualificabile, ai sensi dell'articolo 48 bis del dpr 602/1973, come soggetto “inadempiente”.

Per i giudici di palazzo Spada, infatti, il legislatore, con l'articolo 48 bis, ha espresso una chiara volontà che va nella direzione di snellire e potenziare le procedure di riscossione delle entrate pubbliche, permettendo agli enti pubblici di riscuotere le proprie entrate utilizzando la cartella di pagamento che, dotata di immediata efficacia esecutiva, consente di accelerare il recupero dei crediti.

Tale indicazione legislativa è stata poi correttamente interpretata dal MEF, (circolare numero 22/2008), che ha precisato che la normativa di cui all'art. 48 bis rivela una portata ampia, non riferibile ai soli crediti tributari, ma addirittura anche a quelli di qualsiasi pretesa iscritta a ruolo e notificata con cartella di pagamento.

22 settembre 2014 · Ludmilla Karadzic

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , ,

compensazione della cartella esattoriale, riscossione coattiva delle cartelle esattoriali, Sentenze del Consiglio di Stato

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando equitalia definisce un soggetto inadempiente - la compensazione diretta delle cartelle esattoriali non pagate con i crediti vantati nei confronti della pa. Clicca qui.

Stai leggendo Quando Equitalia definisce un soggetto inadempiente - La compensazione diretta delle cartelle esattoriali non pagate con i crediti vantati nei confronti della PA Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 22 settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 20 luglio 2017 Classificato nella categoria compensazione della cartella esattoriale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info



Cerca