Pignorabilità di stipendi e pensioni - il codice civile

Ma, l'articolo 545 del codice di procedura civile  sancisce che:

“… Le somme dovute dai privati a titolo di stipendio, di salario di altra indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego … possono essere pignorate nella misura di un quinto per i tributi dovuti allo Stato, alle province e ai comuni, ed in eguale misura per ogni altro credito”.

E, dunque, la legge finanziaria e l'articolo 545 del codice di procedura civile fra loro combinati dispongono che:

  1. è consentito il pignoramento per crediti alimentari fino all'importo di un quinto, al netto delle trattenute;
  2. per debiti verso il datore di lavoro derivanti dal rapporto nel limite di un quinto, al netto delle ritenute;
  3. per tributi dovuti all'amministrazione pubblica (Stato, province e comuni) nel limite di un quinto, sempre al netto delle ritenute.
  4. per ogni altro credito nei limiti di un quinto.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignorabilità di stipendi e pensioni - il codice civile.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Trib. Modena, Giud. Dott.ssa Gherardi A., sentenza n. 1313 del 7 ottobre 2010 19 dicembre 2010 at 10:03

    Le pensioni sono pignorabili nella misura di 1/5 di quanto ecceda il c.d. "minimo INPS" (attualmente pari ad euro 460,97), che nelle intenzioni del Legislatore rappresenta il c.d. "minimo vitale" o "di sussistenza" ancorato ad un dato certo ed uguale per tutti i debitori.