Ecco perché i cittadini sono stati ingannati e hanno pensato di ottenere qualcosa che non era possibile

Ecco perché i cittadini sono stati ingannati e hanno pensato di ottenere qualcosa che non era possibile.

Inoltre, il consumo medio tipico degli utenti è compreso tra 120 e 180 metri cubi ogni anno.

Ma questa è una taglia media, ben diversa dalla pubblicità di Enel Energia.

L'offerta ha provocato numerosi errori e le reali caratteristiche della stessa non sono state capite.

Insomma, molte persone hanno pensato di sfruttare qualcosa di molto conveniente e con tanto di prezzo fisso: in realtà, la taglia di consumi associata viene superata nella maggior parte dei casi, di conseguenza le bollette non possono che essere più alte.

Enel dovrà prestare più attenzione in futuro se vorrà evitare altre multe.

25 settembre 2013 · Giovanni Napoletano

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ecco perché i cittadini sono stati ingannati e hanno pensato di ottenere qualcosa che non era possibile. Clicca qui.

Stai leggendo Ecco perché i cittadini sono stati ingannati e hanno pensato di ottenere qualcosa che non era possibile Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 25 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 novembre 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - acqua luce e gas Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca