Procedimento di cognizione

Se non si è in possesso di un titolo esecutivo, e non ci sono elementi per ottenere un decreto ingiuntivo, non resta altro che ricorrere ad una via ancora più lunga rispetto al procedimento ingiuntivo, per fare accertare l'esistenza del proprio credito.

E' il normale processo civile, introdotto con atto di citazione, con il quale si chiama in giudizio il debitore perché il giudice competente possa:

  • accertare l'esistenza e l'ammontare del credito;
  • e, di conseguenza, condannare il debitore a pagare.

Il procedimento di cognizione, a differenza dell'azione cambiaria, si basa non sul titolo (di cui non si è in possesso), ma sul rapporto sottostante all'emissione del titolo stesso: il titolo non avrà, pertanto, alcuna rilevanza probatoria nel processo, e colui che agisce per ottenere la restituzione del dovuto dovrà dimostrare altrimenti le proprie ragioni.

Briciole di pane - navigare a ritroso nelle sezioni

debiti origine conseguenze tutele
conseguenze dei debiti
protesti
problematiche dei protesti e dei protestati
cosa è il protesto – funzione ed efficacia probatoria del protesto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su procedimento di cognizione. Clicca qui.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2 3 4

Altri contenuti suggeriti da Google

Struttura del sito ed altre info