Protesto cambiale scaduta

Salve a tutti, innanzitutto grazie a chi ha avuto l'idea di questo forum, sembra essere un sussidio alla mia ultima fioca speranza di uscire da una situazione immonda nella quale mi sono cacciato. Parto subito da una domanda relativa ad un mio problema imminente (anche se di natura ecenomica irrilevante rispetto all'enorme quantità di guai che dovrò affrontare da qui a pochi giorni). Ho cercato nel forum, senza risultati, una risposta al mio quesito che è il seguente:

Ho firmato una cambiale che è scaduta il 14 Febbraio (quasi un mese). Il creditore non ha ancora protestato la stessa (aspetta che io lo paghi per vie bonarie).

Se non sbaglio il creditore ha 3 anni per esercitare il diritto ad essere pagato, ma può ancora protestarmi o non può più farlo?

In sostanza io non posso pagarlo e non so quando potrò mai, ma ho paura che si stanchi di aspettare e mi protesti. Lo può fare o doveva farlo entro 2 giorni dalla scadenza? L'importo è di circa 500€. quante possibilità ci sono che mi rovini quel briciolo di speranze che mi sono rimaste per andare avanti?

Grazie anticipatamente.

E' corretto quanto da Lei affermato, l'azione cambiaria si prescrive in tre anni dalla data di scadenza dell'effetto, tuttavia tale termine può essere interrotto, in pratica basta una raccomandata di sollecito per rifar partire dall'inizio il conteggio dei tre anni.

Il protesto cambiario deve essere esperito in 48 ore dalla data di scadenza, quindi Lei non è più protestabile, tuttavia la cambiale insoluta, anche se non protestata, costituisce titolo di credito immediatamente esecutivo, ovverosia la strada dei pignoramenti si fa in questo caso molto corta.

16 marzo 2011 · Simone di Saintjust

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • carmen b 5 marzo 2012 at 17:45

    ho preso un auto in leasing su societa o pagato un acconto i anche qualche mesi di cambiali a un certo punto non sono riusito a pagare o chiesto a soc leasing di ritirare l"auto per che non riesco piu a pagare .questo e successo in 2009 adesso dopo 3 anni mie arrivato a casa un atto di precetto di pagamento su cambiali .La soc di leasing aveva venduto subito la auto dopo che l"anno ritirato con prezzo che me l"anno venduto a me .Ma la mia societa non ha ricevuto qualche avisso che loro hanno venduto l"auto ,in piu le cambiali che loro dicono che non sono pagati sonno di 2010 i non di 2009 .vorrei sapere se loro dopo aver venduto l"auto dovrebbero mandarmi i resto di cambiali che sono rimasti non pagati per che sono stati 47 come numero ma io non ho ricevuto i resto di cambiali cosa poso fare in questo caso

    • Piero Ciottoli 6 marzo 2012 at 06:46

      Le cambiali erano, evidentemente, con data in bianco. Alla restituzione dell'auto, anche quando il contratto di leasing è stato completamente rispettato per quel che riguarda i pagamenti rateali, vengono effettuati i conteggi per addebitare i costi di eventuali danni e livelli di usura riportati dal bene concesso in leasing oltre i limiti contrattualmente previsti.

      Le cambiali firmate e non datate serviranno appunto a compensare e garantire i canoni di leasing non pagati, i danni ed i livelli di usura rilevati successivamente alla consegna del bene.