Cancellazione del protesto per assegno smarrito - come richiedere cancellazione?

Ho ricevuto un protesto per un assegno smarrito, o rubato. Ho inoltrato reclamo per il protesto di assegno per il quale era stata presentata denuncia,ma pur avendo denunciato l'assegno sono stato protestato.

Ho chiesto alla filiale di ottenere copia del titolo di protesto ma la banca me l'ha negato.

Poi, ora la banca mi ha bloccato l'operativittà del conto senza alcuna comunicazione.

Il direttore dice che se non presento una liberatoria mi sarà chiuso lo stesso scaduti 60 gg dalla levata.

Mi chiedono di presentare una liberatoria che non posso avere in quanto ho presentato una denuncia e non conosco chi ha presentato all'incasso un assegno che non ho emesso.

Cosa posso fare?

Vorrei sapere se posso andare a togliere il protesto, visto che ho bisogno di emettere assegni e operare sul conto.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cancellazione del protesto per assegno smarrito - come richiedere cancellazione?.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • tonino75 23 gennaio 2013 at 15:03

    Salve ho appena chiuso un negozio perchè rischiavo di avere un pignoramento, Beh il pignoramento adesso è arrivato, ma il negozio adesso è intestato a mia moglie. Possono adesso rivalersi su di lei? Tenete conto che è stata fatta una chiusura a mio nome e una riapertura a nome di mia moglie, non c'è nessun passaggio tra noi.

    • Simone di Saintjust 23 gennaio 2013 at 15:17

      Al creditore servirà un altro precetto. Che riuscirà probabilmente ad ottenere, con ricorso per decreto ingiuntivo, se lei e sua moglie avete optato per il regime coniugale di comunione dei beni. Certamente si tratta di una di quelle operazioni che se reiterate, "sfiancano" il creditore procedente.