Proteggere la propria salute e quella del pianeta

1. Consumismo responsabile - Proteggere la propria salute e quella del pianeta
2. Cocktail chimico?
3. Quale imballaggio?
4. Una nube da respirare?
5. I prodotti per fare la schiuma all'acqua del bagno?
6. Colore e profumo?
7. Quale olio?
8. Gel o sapone?
9. Disinfettante
10. Disinfettanti superflui
11. Pensare alle acque e ai pesci
12. Un buon utilizzo dei cosmetici
13. Spray e strato di ozono

Consumismo responsabile - Proteggere la propria salute e quella del pianeta

I prodotti di igiene corporale ed i cosmetici devono rispettare una precisa legislazione. Ma è meglio sceglierli con attenzione, poiché alcuni tra loro non curano né la salute né l'ambiente (sostanze tossiche o allergeni, inquinamento dell'aria e delle acque, produzione eccessiva di rifiuti, minacce alla bio-diversità).

Cocktail chimico?

Formaldeide, ftalati, solventi (toluene), sostanze organiche alogene, acrilati: sono diversi esempi di molecole tossiche che si possono trovare nei cosmetici, in particolare smalti per unghie, rossetti, deodoranti, shampoo, saponi e creme idratanti. Queste sostanze sono sospettate di favorire le allergie, di perturbare il sistema endocrino e di danneggiare gli organi interni e il sistema nervoso. Per i prodotti di cura corporea e per i cosmetici, non esistono marchi ufficialmente riconosciuti Si trovano però, sul mercato alcuni marchi che rispettano criteri ecologici e sociali o unicamente ecologici.

Quale imballaggio?

Le piccole scatole possono essere recuperate come carta riciclata. In quanto ai prodotti ricaricabili, limitano i rifiuti da incenerire. Sono da evitare, se possi-ile, i doppi imballaggi inutili.

Una nube da respirare?

I vaporizzatori a pompa (o le bombole aerosol il cui gas propulsore è aria) non degradano l'atmosfera. I deodoranti e gli antitraspiranti esistono anche sotto forma solida o liquida, ciò che evita dl inalare quotidianamente una nuvola di aerosol.

I prodotti per fare la schiuma all'acqua del bagno?

I prodotti per fare la schiuma all'acqua del bagno, che la profumano e la colorano, aggiungono diverse sostanze di sintesi nelle acque usate, rendendole ancora più difficili da depurare.

Colore e profumo?

La carta igienica non sbiancata con il cloro, senza profumoe senza decorazioni immette meno sostanze inquinanti nelle acque di scarico.

Quale olio?

Non è raro trovare nei cosmetici tracce di olio di visone, di tartaruga, di capodoglio o di balena - animali minacciati di estinzione. Viene utilizzato frequentemente anche l'olio di palma, prodotto da monocolture grandi consumatrici di concimi sintetici e di pesticidi. L'olio di jojoba, estratto da un albero coltivato in zone aride, costituisce una valida alternativa per preservare la bio-diversità; la sua coltivazione contribuisce anche a frenare la desertificazione.



Gel o sapone?

Un sapone da 250 gr permette tanti utilizzi quanti 4 flaconi di gel doccia da 250 ml.

Disinfettante

Alcuni saponi e dentifrici contengono del triclosan, un prodotto antibatterico sospettato di favorire la resistenza dei batteri agli antibiotici.

Disinfettanti superflui

I prodotti di igiene corporale dalle proprietà antimicrobiche sono motto popolari. Questa moda non è senza conseguenze sulla resistenza dei batteri agli antibiotici, un fenomeno che assume un'ampiezza inquietante. Ma i prodotti che contengono disinfettanti, per esempio il triclosan, non sono più efficaci nell'eliminare i microbi dei saponi tradizionali utilizzati in modo consapevole (lavare le mani dopo essere andati alla toilette e prima dei pasti ecc.). Essi dovrebbero essere riservati all'uso medico.

L'ossessione della disinfezione può avere effetti perversi. Le ultime ricerche mostrano che l'esposizione naturale dei bambini ai germi e alle polveri rinforza le loro difese immunitarie e diminuisce i rischi di allergie e di reazioni cutanee.

Pensare alle acque e ai pesci

Ricercatori canadesi, inglesi e tedeschi hanno trovato residui di sostanze farmaceutiche e di prodotti di cura corporea nei fiumi e nei laghi, in particolare agenti di protezione solare, disinfettanti, ormoni e fiatati (utilizzati per dare al prodotto un'apparenza brillante e fluida). La forte diminuzione dei pesci nei corsi d'acqua si spiega in particolare con il"cocktail chimico" sempre più variato che vi viene scaricato. I cosmetici e i prodotti di igiene corporea non sono i principali responsabili, ma contribuiscono al problema dato il loro grande impiego.

Un buon utilizzo dei cosmetici

I cosmetici possono comportare un rischio per la salute, in ragione della loro composizione chimica o in seguito ad un utilizzo inadeguato. Vista la diversità delle sostanze che entrano in gioco, è difficile raccomandare un prodotto piuttosto che un altro. Ma si può indicare un certo numero di regole da osservare:

Spray e strato di ozono

Nel 1985, alcuni ricercatori scoprirono nello strato di ozono un enorme buco che permetteva ai raggi solari pericolosi (ultravioletti) di raggiungere facilmente i l suolo.

Colpevoli: i gas "CFC" (Cloro Fluoro Carburi), utilizzati in particolare in frigoriferi, spray e schiume isolanti. Di fronte a questa minaccia, annunciata da molto tempo dagli scienziati, diversi Stati adottarono nel 1987 il Protocollo di Montreal. Entrato in vigore nel1989, questo testo stabili un calendario destinato ad abolire l'utilizzo dei CFC entro pochi anni. È questo un buon esempio di concertazione internazionale in favore dell'ambiente. Gli spray per cosmetici che utilizzavano i CFC, oggi ne sono esenti.

Ma data la persistenza dei CFC nell'atmosfera, il famoso buco dovrebbe ancora crescere per uno o due decenni, prima di richiudersi poco a poco.

17 agosto 2013 · Giovanni Napoletano

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

,

tutela consumatori - codice del consumo, vizi della cosa venduta garanzie e recesso - consumismo responsabile

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su proteggere la propria salute e quella del pianeta. Clicca qui.

Stai leggendo Proteggere la propria salute e quella del pianeta Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 17 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - codice del consumo, vizi della cosa venduta garanzie e recesso - consumismo responsabile Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca