Professionisti: toscana, prestiti d'onore per giovani

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

La Regione Toscana, prima in Italia, aiuterà i giovani professionisti a formarsi, con un prestito d'onore durante il tirocinio fino a trent'anni e con sostegni nei primi anni di attività rivolti a chi deciderà di aprire uno studio, ancora meglio se uno studio associato, fino a quarant'anni. Aiuti per i giovani che volevano aprire un bar, un'impresa agricola o una bottega artigiana già esistevano da tempo.

Prestiti ed aiuti ai giovani professionisti e alle donne professioniste sono invece una novità assoluta. "Sostenere chi intende avviare una nuova attività vuol dire favorire la mobilità sociale - sottolinea l'assessore regionale alle professioni, Agostino Fragai -. Prestiti d'onore e sostegni agli studi non sono comunque l'unica novità della proposta di legge sulle professioni, che la giunta ha approvato ieri e che ora passerà all'attenzione del Consiglio: una proposta di legge ‘partecipatà , scritta a più mani assieme ai tanti e diversi rappresentanti del mondo delle professioni intellettuali.

Oltre a prestiti e agevolazioni finanziarie - un milione di euro il fondo per adesso messo a disposizione - la proposta di legge prevede infatti una commissione regionale, dove ordini ed associazioni esprimeranno il loro parere su provvedimenti che interessano le professioni intellettuali e dove potranno avanzare anche proposte alla Regione, e una struttura multidisciplinare pensata come struttura di raccordo e per la formazione, a servizio dei professionisti ma anche degli utenti. "Sono anni che i governi nazionali, che si sono alternati, discutono della materia senza aver prodotto niente.

La proposta di legge che abbiamo approvato occupa uno spazio ‘neutrò - spiega Fragai - e rispetto a proposte passate, su cui era intervenuta la censura della Corte Costituzionale, non entra nei profili di riordino del settore di competenza statale. Non per questo la legge non è importante. Anzi, definisce misure di intervento concrete che torneranno comunque utili anche nel caso che una vera riforma del settore venga realizzata a livello nazionale".

Le modalità di concessione di prestiti e contributi saranno affidati al regolamento che seguirà alla legge. "Un'ipotesi - anticipa l'assessore - è quella, per i prestiti d'onore per i tirocinanti, di un assegno fino a 3 mila euro, restituibili in quattro anni senza interessi, e per i giovani professionisti già in attività di contributi per l'avvio di studi professionali fino a 6-7 mila euro".

10 settembre 2008 · Antonio Scognamiglio

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Ciak! Prestiti e Mutui 26 settembre 2009 at 11:14

    Scusate ma perché copiate nei commenti articoli scritti su altri siti senza citare la fonte ?

    • c0cc0bill 26 settembre 2009 at 12:43

      Chiedo scusa ciak!. Indicami il commento e dimmi se preferisci che citi la fonte o se desideri che il commento venga integralmente cancellato.

      A volte capita nella concitazione di integrare l'articolo con ottimi commenti presi dal web.

      Spero tu possa comprendere. Aspetto un riscontro.

      Saluti

    1 3 4 5