Problemi di evasione contributiva con INPS

Perché devo pagare interessi e more per incompetenze INPS

Avrei necessità di chiarimenti ed indicazioni su come comportarmi di fronte al problema con l'INPS che vado a descrivere.

Ad Aprile del 2009 ho aperto partita Iva in qualità commerciale (Agente di Commercio)

A Dicembre 2010 ho chiuso detta partita Iva

Le operazioni di apertura e chiusura sono state eseguite da commercialista, tutte ampiamente documentate e perfettamente in regola, e il commercialista, documentazione alla mano, ha inviato le comunicazioni del caso ad Agenzia Entrate, Camera Commercio ed INPS sia di apertura sia di chiusura.

Durante il periodo di attività commerciale NON ho mai ricevuto cartelle da Parte di INPs che mi invitavano a pagare quanto dovuto ai fini contributivi, anzi un paio di volte mi sono recato agli sportelli Inps per sollecitare ‘invio degli appositi moduli ai fini eseguire pagamento, ma non ho mai ricevuto nulla.

22 Aprile 2014: ricevo raccomandata da INPS che mi comunica che hanno accettato la mia richiesta di apertura partita IVA e posizione INPS alla data del 01 04 2009.

24 Aprile 2014: ricevo raccomandata da INPS che hanno accettato la mia richiesta di chiusura partita IVA alla data del 31 12 2013.
In entrambe i casi le raccomandate sono scaturite sulla base delle mie richieste e non sulla base di controlli fiscali.

Faccio immediato ricorso ad INPS per segnalare l’errata data di cessazione di partita IVA, allegato copia della documentazione già prodotta.

12 settembre 2014 ricevo semplice lettera da parte di INPS dove mi comunicano che, sulla base di controlli effettuati presso Agenzie Entrate in effetti la mia partita Iva risultata chiusa al 31 12 2010 ed accettano il mio ricorso.

09 Febbraio 2015 ricevuto raccomandata da INPS di avviso di addebito e sulla base dei controlli effettuati relativamente alla posizione contributiva che va dal 04/2009 al 12/2010 devo all’ente € xxxxxxx.

Controllando la sezione “Dettaglio Degli Addebiti e Degli Importi Dovuti” scopro che ci sono importi che devo all’ente per l’anno 2009 e con sanzioni e more e importi parziali per l’anno 2010 anche qui con sanzioni e more.

Le mie domande: premesso che non voglio evadere o fare il furbo ma non ci sono prescrizioni per questo genere di tributi, cioè perché dovrei pagare gli importi per il 2009 quando secondo le mie conoscenze dovrebbero essere caduti in prescrizione?

Seconda domanda: ma perché devo pagare interessi e more per incompetenze altrui, incompetenze ampiamente dimostrabili, dopo che addirittura mi sono adoperato per sollecitare l’invio dei moduli per il pagamento di quanto dovuto?

Terza ed ultima domanda : nell’avviso di addebito che ricevuto alla pagina 1 di 12 mi si comunica cito testualmente per il periodo contributivo dal 04/2009 al 12/2010 l’importo totale da pagare è € xxxxxxx.
mentre nel dettaglio degli addebiti buon parte del 2010 rimane scoperto (6 mesi), devo attendermi un altra raccomandata oppure chiudono qui la mia posizione “debitoria”?

Grazie in anticipo per tutto l’aiuto che potrete fornirmi.

Prescrizione e decadenza per i contributi o premi non versati all'INPS dal debitore

Per i contributi o premi non versati dal debitore, l’istituto ha l’obbligo di iscrivere il credito in ruoli resi esecutivi, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre dell’anno successivo al termine fissato per il versamento. In caso di denuncia o comunicazione tardiva o di riconoscimento del debito, tale termine decorre dalla data di conoscenza da parte dell’ente.

Stiamo parlando non di apertura o chiusura di Partita IVA (obblighi afferenti l’Agenzia delle entrate) ma di apertura e chiusura della posizione contributiva nell’ambito della gestione separata INPS, cosa che, a quanto lei riferisce, il suo commercialista non ha mai effettuato e da cui consegue il danno a lei derivante per l’aggravio di interessi di mora e sanzioni civili.

Per gli ulteriori dettagli sul credito vantato dall’INPS per l’ultimo semestre del 2010 le suggerisco di recarsi alla sede territoriale o di accedere ai servizi on line erogati dall’Istituto previa richiesta del pin.

11 febbraio 2015 · Lilla De Angelis

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , ,

debiti prescrizione e decadenza - domande e risposte

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su problemi di evasione contributiva con inps. Clicca qui.

Stai leggendo Problemi di evasione contributiva con INPS Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 11 febbraio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria debiti prescrizione e decadenza - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info



Cerca