Prescrizione e decadenza per i contributi o premi non versati all'inps dal debitore

Per i contributi o premi non versati dal debitore, l'istituto ha l'obbligo di iscrivere il credito in ruoli resi esecutivi, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre dell'anno successivo al termine fissato per il versamento. In caso di denuncia o comunicazione tardiva o di riconoscimento del debito, tale termine decorre dalla data di conoscenza da parte dell'ente.

Stiamo parlando non di apertura o chiusura di Partita IVA (obblighi afferenti l'Agenzia delle entrate) ma di apertura e chiusura della posizione contributiva nell'ambito della gestione separata INPS, cosa che, a quanto lei riferisce, il suo commercialista non ha mai effettuato e da cui consegue il danno a lei derivante per l'aggravio di interessi di mora e sanzioni civili.

Per gli ulteriori dettagli sul credito vantato dall'INPS per l'ultimo semestre del 2010 le suggerisco di recarsi alla sede territoriale o di accedere ai servizi on line erogati dall'Istituto previa richiesta del pin.

11 febbraio 2015 · Lilla De Angelis

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prescrizione e decadenza per i contributi o premi non versati all'inps dal debitore. Clicca qui.

Stai leggendo Prescrizione e decadenza per i contributi o premi non versati all'inps dal debitore Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 11 febbraio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria debiti prescrizione e decadenza - domande e risposte Numero di commenti e domande: 0

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info