PRESUPPOSTI PER L'ADOZIONE DELLE MISURE CAUTELARI EX ART. 22 D.Lgs. 472/1997 IN MATERIA FISCALE

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Le misure cautelari ex articolo 22, decreto legislativo 472/1997 devono essere fondate sul fumus boni iuris e sul periculum in mora. Per l'esistenza del primo requisito “è necessaria la quasi certezza” del debito che si vuole garantire. Per il secondo requisito, invece, “l'Ufficio […] ha l'onore di dedurre e dimostrare che il contribuente abbia posto in essere o sia in procinto di porre in essere atti di disposizione o, comunque, comportamenti che mettano a rischio il credito vantato dal fisco” (CTR Bari, sez. dist. Lecce numero 209/22/10 del 18 maggio 2010).

8 novembre 2010 · Diego Conte

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.