Il pagamento delle imposte durante il prestito vitalizio ipotecario

Come funziona il pagamento delle imposte dopo aver messo in atto il beneficio del prestito vitalizio ipotecario.

Il beneficiario del prestito dovrà continuare a pagare le imposte patrimoniali relative all'abitazione, cioè Imu e Tasi, oltre alla tassa sul consumo dei rifiuti, dal momento che egli resta il proprietario dell'immobile.

Viene inoltre applicata un'aliquota sostitutiva del 0,25% sull'ammontare complessivo dei finanziamenti, che accorpa imposte di bollo, imposte di registro, ipotecarie, catastali e tasse di concessioni governative.

Briciole di pane - navigare a ritroso nelle sezioni

debiti origine conseguenze tutele
origine dei debiti
contratti di prestito - microcredito - usura
contratti di prestito e di garanzia
prestito vitalizio ipotecario: dal 6 maggio 2015 è legge » cenni storici, informazioni dettagliate, pro e contro

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il pagamento delle imposte durante il prestito vitalizio ipotecario. Clicca qui.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altri contenuti suggeriti da Google

Struttura del sito ed altre info