Il funzionamento del prestito vitalizio ipotecario nel dettaglio

La forma del contratto del prestito vitalizio ipotecario: vi spieghiamo il funzionamento dell'istituto nel dettaglio.

Nel dettaglio, il proprietario della casa chiede un finanziamento, che può essere a tasso fisso o variabile senza però l'obbligo di predeterminarne la scadenza e senza nemmeno l'obbligo di rimborsare quote di capitale o di interessi.

Certo, la legge prevede che il debitore possa concordare un piano di rientro graduale del debito ma guardando le cose con realismo non si capisce come un pensionato che ha il problema di integrare gli introiti mensili possa farsi carico del rimborso successivo di capitale e interessi.

Se il proprietario non effettua i rimborsi al decesso agli eredi viene lasciata l'opzione da esercitarsi entro un anno di rimborsare integralmente il debito più gli interessi semplici maturati nel frattempo.

Quest’ultima disposizione è migliorativa rispetto alla norma precedente, che prevedeva anche la capitalizzazione degli interessi.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il funzionamento del prestito vitalizio ipotecario nel dettaglio. Clicca qui.

Stai leggendo Il funzionamento del prestito vitalizio ipotecario nel dettaglio Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 11 maggio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 13 marzo 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito e di garanzia Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info