Il contratto di prestito delega

Il contratto di prestito delega è formato da 4 copie una per il cliente, una per la società finanziaria, una per il datore di lavoro e una per la società di assicurazione. Deve essere compilato in tutte le sue parti e firmato, sia dal richiedente che dalla Società finanziaria.

Il contratto deve contenere:

  • La ragione sociale dell'istituto di credito o della Finanziaria che eroga il prestito.
  • nome, cognome, codice fiscale e residenza del contraente.
  • La somma richiesta.
  • Stato civile, professione e reddito del richiedente
  • (TAN) Il tasso annuo nominale e il (TAEG) tasso effettivo globale.
  • Il valore e la quantità delle rate.
  • Il costo delle polizze assicurative.
  • I costi di Mora e le penalità in caso di ritardi nel rimborso delle rate.
  • Procedura per la cessione del contratto a terzi
  • Le modalità di recesso dal contratto.
  • Privacy: consenso al trattamento dei dati

Si considera nullo il contratto se la compilazione non è completa o in assenza della firma di una delle parti (contraente e istituto di credito).

Il cliente ha 15 giorni per esercitare il diritto di recesso, per mezzo di una lettera raccomandata R.R da inviare all'istituto di credito o finanziaria che ha concesso il prestito.

Si dovranno restituire tutti gli importi eventualmente già ricevuti con l'aggiunta dei costi sostenuti dalla Banca altrimenti il contratto non potrà considerarsi risolto.

Nel caso in cui non si effettui il saldo di una o più rate si è immediatamente inadempienti nei confronti della società finanziaria.

Il cliente non viene segnalato come cattivo pagatore nelle banche dati in quanto è il datore di lavoro a dover effettuare il pagamento.

Consigliamo di controllare che le rate siano versate regolarmente perché rimane al dipendente la responsabilità di garantire la correttezza dei pagamenti.

Il prestito delega per legge può essere estinto anche anticipatamente, la somma da restituire sarà l'importo ottenuto sottraendo dallìammontare del residuo debito il Tasso Annuo Nominale non maturato, più un'eventuale penale che non può superare l'1% (uno per cento) dell'importo finanziato.

Se si ha bisogno di ulteriori somme di denaro il prestito delega si può rinnovare, i parametri per calcolare il rinnovo sono l'anzianità lavorativa, Il TFR e il debito residuo del prestito in essere.

Il calcolo si effettua moltiplicando il valore della rata per il numero di rate residue, ottenendo così il residuo debito lordo, il residuo debito netto da rimborsare si ottiene scorporando gli interessi non maturati.

Il totale da finanziarie con il nuovo prestito con delega sarà la cifra che si desidera realizzare più il debito da rimborsare.

A seconda degli importi, dei parametri di calcolo e delle esigenze del cliente si valuterà se aumentare l'importo delle rate o la dilazione.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il contratto di prestito delega.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.