Prestiti: nuove direttive dall'ue » più tutela per i consumatori

Prestiti, nuova direttiva Ue a tutela dei consumatori: stabilite condizioni ad alto grado di professionalità e nuove regole per marketing e pubblicità.

La nuova direttiva dell'UE 2014 stravolge completamente il settore del credito. Il testo contenuto nella nuova norma vuole semplificare l'accesso al credito specie nel settore dei prestiti. Q

uesto cambiamento avviene con la realizzazione di un mercato unico dei crediti ipotecari nel Vecchio Continente, aumentando fortemente il livello di tutela degli utenti.

La nuova direttiva coinvolge in prima persona la vita dei cittadini, con notevoli effetti a livello internazionale.

Le nuove direttive dell'Ue sui prestiti

Si tratta di una norma decisamente interessante, perché intende tutelare i prestiti personali dei consumatori.

La direttiva, che introduce novità su mutui e prestiti alle quali gli Stati membri dovranno adeguarsi, è stata approvata a maggioranza qualificata.

La directive on mortgage credits adottata dal Consiglio Ue punta a creare, infatti, un efficiente e competitivo mercato unico a vantaggio dei consumatori, creditori e intermediari del credito garantendo un livello elevato di tutela e protezione dei consumatori e affronta la materia dei prestiti irresponsabili considerato che nel contesto di grave crisi economica e finanziaria è in continuo aumento il numero dei prestiti insostenibili da lavoratori, imprese e famiglie.

La normativa è finalizzata a fare in modo che i mercati del credito ipotecari operino in modo responsabile e il testo punta anche a promuovere la stabilità finanziaria.

Nella direttiva, inoltre, sono prese in esame con fermezza le norme dell'UE riguardanti la pubblicità ingannevole, mentre le clausole illegittime nei contratti stipulati con i consumatori, non tengono conto delle particolarità del credito ipotecario.

I prestiti personali per mutui e ristrutturazioni superiori a 75 mila euro sono al di fuori del campo di applicazione delle norme comunitarie riguardanti il credito al consumo.

Mancano i requisiti richiesti dall'Unione Europea per gli intermediari del credito e per gli altri tipi di istituti.

Le nuove disposizioni impongono al creditore di valutare il merito creditizio del consumatore e anche obblighi di comunicazione da parte del consumatore.

Si disciplinano, dunque, anche i principi di vigilanza relativi ad intermediari del credito e si consente una regolamentazione adeguata di vigilanza degli enti non creditizi.

Il provvedimento approvato a maggioranza qualificata dal Consiglio UE comprende tutti gli emendamenti votati dal Parlamento europeo a seguito di un accordo raggiunto tra i due organi triangolo istituzionale europeo in prima lettura.

10 febbraio 2014 · Giovanni Napoletano

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prestiti: nuove direttive dall'ue » più tutela per i consumatori. Clicca qui.

Stai leggendo Prestiti: nuove direttive dall'ue » più tutela per i consumatori Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 10 febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria tutela consumatori - conto corrente servizi bancari prodotti finanziari prestiti leasing e mutui Inserito nella sezione tutela consumatori del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca