Prestiti per dipendenti » Viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale

Oggi vogliamo parlare dei prestiti per dipendenti: affrontiamo, dunque, un piccolo viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale.

I prestiti per dipendenti sono una tipologia di prestiti personali che vengono destinati ai lavoratori dipendenti pubblici e statali e privati.

I prestiti per dipendenti sono finanziamenti non finalizzati: coloro che li richiedono, cioè, non hanno l'obbligo di specificare la finalità della somma richiesta.

I prestiti personali per dipendenti prevedono, come forma più comune, la cessione del quinto dello stipendio: secondo questa formula le rate del prestito vengono trattenute direttamente dalla busta paga del richiedente e pagate dal datore di lavoro, che si assume la responsabilità della puntualità e del pagamento.

L'ammontare della trattenuta non può, come indicato anche dal nome "cessione del quinto", superare un quinto dello stipendio del dipendente, cioè il 20% della busta paga netta.

Se il datore di lavoro o l'amministratore sono d'accordo è possibile anche una seconda trattenuta dalla busta paga, che fa così aumentare l'esposizione del debitore fino al 40% del proprio stipendio.

I prestiti per dipendenti sono caratterizzati principalmente da:

  • Importo massimo variabile: dipende dall'età del richiedente, dalla durata del prestito e dallo stipendio percepito;
  • busta paga come unica garanzia;
  • prestito non finalizzato;
  • polizza assicurativa compresa contro il rischio impiego e il rischio vita;
  • possibilità di dilazione fino a 120 mesi;
  • possibilità di estinzione anticipata;
  • possibilità di rinnovare la cessione del quinto.

Dunque, i prestiti per dipendenti si rivolgono ai lavoratori dipendenti perché hanno come garanzia la busta paga.

I destinatari possibili dei prestiti per dipendenti comprendono:

  1. lavoratori dipendenti a tempo indeterminato
  2. lavoratori con contratto di formazione o di apprendistato
  3. lavoratori a tempo determinato

La presenza della busta paga costituisce una forma di garanzia importante per le banche e gli istituti di credito, che quindi possono usare criteri di valutazione più flessibili nell'accettazione delle proposte di prestiti.

Ai lavoratori a tempo indeterminato viene richiesto di dimostrare di lavorare in modo fisso da almeno tre mesi, mentre per chi ha un contratto a tempo determinato, se la banca decide di concedere un prestito, la durata di restituzione del credito potrebbe essere vincolata al periodo del contratto stesso.

I prestiti per dipendenti possono essere richiesti anche da coloro che in passato hanno avuto casi di insolvenza o sono segnalati come soggetti protestati, perché la trattenuta dalla busta paga costituisce anche per loro una garanzia sufficiente per l'accettazione della richiesta.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prestiti per dipendenti » viaggio alla scoperta di questa particolare tipologia di prestito personale.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.