Effettuare i prestiti a parenti/amici tramite assegni o cambiali

Altra maniera di salvaguardare i propri interessi è quello di effettuare prestiti ad amici o parenti tramite assegni o cambiali.

Il sistema migliore per garantirsi in caso di prestito di denaro a terzi è farsi rilasciare una cambiale con data di scadenza identica a quella della scadenza del mutuo.

La cambiale fungerà da garanzia: per cui, se il debitore non restituisce la somma alla scadenza concordata, potremo avviare direttamente un pignoramento senza bisogno né di una causa, né di un decreto ingiuntivo.

La cambiale è infatti un titolo esecutivo e ha la stessa forza di un provvedimento del giudice.

L'emissione della cambiale rende anche superfluo il contratto scritto, anche se la sua presenza funge se presenza funge sempre da ulteriore garanzia per le parti.

Spesso si ricorre a un assegno postdatato. È bene però chiarire che questo, seppur lecito da un punto di vista penale, è un illecito tributario.

Con la conseguenza che, non essendo stata regolarizzata l'imposta di bollo, non potrà essere riscosso prima della data in esso riportata, anche se il debitore appare insolvente in un momento anteriore e non paga le rate.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su effettuare i prestiti a parenti/amici tramite assegni o cambiali .

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.