Prestiti ai precari - Più facili grazie ad un accordo con le banche

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

All'inizio erano dieci ed oggi ventuno: ventuno banche ed istituti presenti in Toscana che hanno rinnovato l'anno scorso l'accordo storico con la Regione e che oggi pomeriggio hanno siglato una nuova intesa più ampia e generale, una piattaforma comune su cui inserire, di volta in volta, accordi specifici in cui saranno definiti gli obiettivi, le procedure e le condizioni che le banche si impegnano ad applicare nella realizzazione di progetti regionali. Un esempio: il progetto per l'accesso al credito dei precari e dei lavoratori atipici, firmato oggi da undici banche, subito dopo l'intesa generale.

Il sistema bancario si conferma un partner strategico della Regione - sottolinea il presidente della Toscana, Claudio Martini - non solo quando parliamo di politiche a beneficio delle imprese, che vogliamo sostenere nel processo di innovazione, ma anche quando si mettono in atto interventi a favore di cittadini, associazioni, Onlus ed altre organizzazioni. Sulla base dell'intesa raggiunta oggi, aperta anche ad altri istituti, sarà più facile e veloce definire successivamente accordi specifici sui singoli progetti»

Ci sono infatti opportunità di sostegno all'accesso al credito che riguardano anche la società civile - aggiunge l'assessore al bilancio e alle finanze, Giuseppe Bertolucci - E senza un'opportuna collaborazione del sistema bancario, disposto a fissare condizioni particolari per l'accesso al credito, certe iniziative non potrebbero pienamente raggiungere il loro scopo». »Oggi - prosegue l'assessore al lavoro Gianfranco Simoncini - firmiamo un accordo che consentirà a chi non ha un lavoro fisso di disporre di prestiti più facili. Con l'atto di oggi la possibilità diventa qualcosa di concreto». A breve un'iniziativa analoga riguarderà gli studenti universitari».

I tassi che le banche proporranno a precari ed atipici, grazie al fondo di garanzia messo a disposizione dalla Regione e gestito da Artea (l'agenzia regionale per l'erogazione in agricoltura), sono particolarmente vantaggiosi.

Per prestiti fino a 15 mila euro e rimborsabili dai 18 ai 60 mesi, finalizzati a far fronte a situazioni temporanee e contingenti di difficoltà economica a cui il lavoratore non può altrimenti far fronte, lo spread, da sommare al tasso fisso, oscillerà tra il 2 ed il 3,5 per cento. Il che significa, visto che ad oggi il tasso Irs di riferimento è al 4,6%, che precari ed atipici potranno ottenere prestiti con tassi di interesse che oscilleranno tra il 6,6 e l'8,10 per cento, comprese le spese di istruttoria: un bel risparmio rispetto all'11% che oggi costituisce la media. E in più nessuna altra garanzia aggiuntiva sarà richiesta dalle banche.

di Walter Fortini

15 dicembre 2007 · Antonio Scognamiglio

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Flavio 19 novembre 2008 at 01:49

    È proprio vero tutta pubblicità ingannevole.....prestiti a precari non ne fa nessuno, sono tutti buffoni

1 4 5 6