Un consiglio sulla prescrizione biennale della cartella esattoriale originata da multe  e le dovute conclusioni

Permettetemi comunque di consigliarvi - qualora accadesse - di recarvi presso il concessionario e chiarire la vertenza stragiudizialmente onde evitarvi spese di consulenza e assistenza legale e tributaria spesso molto gravose.

In conclusione:

1. verificare il momento in cui è avvenuta l'infrazione;

2. verificare che non siano trascorsi 5 anni dall'infrazione alla data della formazione del ruolo (altrimenti il diritto a riscuotere è prescritto);

3. ed infine verificare che tra il momento della trasmissione del ruolo al concessionario (che corrisponde alla data del visto di esecutività) al momento della notifica della cartella di pagamento non siano trascorsi due anni (altrimenti il concessionario è decaduto dalla facoltà di dare inizio alla riscossione);

4. Naturalmente verificare che non siano stati posti in essere atti di interruzione della prescrizione - regolati dal codice civile - nel qual caso tenerne conto nel calcolo.

Per finire, ricordiamo anche che un'ordinanza della Corte Costituzionale (n. 377/2007) ha praticamente affossato centinaia di migliaia di contravvenzioni perché la relativa cartella esattoriale non riportava il nome del responsabile del procedimento amministrativo.

L'ordinanza apre la strada a una marea di ricorsi al giudice di pace. Tutto discende dall'articolo 7, comma 2, della legge numero 212/2000 (statuto del contribuente), in base al quale “gli atti dell'amministrazione finanziaria e dei concessionari della riscossione devono tassativamente indicare l'ufficio presso il quale è possibile ottenere informazioni complete in merito all'atto notificato e il responsabile del procedimento”.

Per fare una domanda sulla possibilità di prescrizione delle multe quando fra consegna dei ruoli all'agente esattoriale e notifica della relativa cartella intercorrano più di due anni, su multe e ricorsi in genere e su cartelle esattoriali originate da multe clicca qui.

14 agosto 2013 · Giuseppe Pennuto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su un consiglio sulla prescrizione biennale della cartella esattoriale originata da multe  e le dovute conclusioni.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Andrea 27 gennaio 2010 at 15:31

    Ho ricevuto un'ingiunzione fiscale per multe della polizia municipale.
    Mi sorgono un paio di dubbi riguardo la legittimità:
    1)può essere che 3 delle multe del 2005 per 174 € passino a 503.64 senza una comunicazione precedente di messa in mora ricevendo solo l'ingiunzione fiscale al 22/01/2010?
    2) la legge non stabilisce che l'importo a ruolo per le multe sotto i 1000€ é di 30€?
    3) può una società privata (una spa) inviare per conto di un'amministrazione atti giudiziari e nello specifico ingiunzioni fiscali? possono le ingiunzioni essere spedite a mezzo posta nel caso di comuni limitrofi a quello di emissione?
    4) possono in un'ingiunzione fiscale minacciarmi fermi amministrativi o ipoteche se non mi é mai arrivato un sollecito dal 2005 o qualcosa che provasse la messa in mora?
    Grazie mille.

    1 3 4 5