Prescrizione e decadenza dei diritti – uno scadenzario per il debitore [Commento 18]

  • Federica 2 settembre 2011 at 14:52

    Buonasera, solo due giorni fa ho ricevuto una lettera che è riuscita quasi a togliermi la vita........mi ha scritto una banca chiendomi di restituire i soldi per una fidussione prestata a mio padre circa 15 anni fa . ( Io supongo 15 anni perchè con atto pubblico nel 97 io rinunciai alla mia quota di socia della società Sas di mio padre e da quella data e anche prima ho certezza di non aver mai firmato nulla Mio padre è fallito 12 anni fa, lui è morto 7 anni fa e so che il fallimento è ancora aperto.Io non ricordo di aver mai firmato niente e sicuramente non ho mai ricevuto da questa banca nessuna comunicazione prima di questa.Mi sono recata da un legale che si è presentato personalmente in banca , ma la persona responsabile alla lettera è ancora in ferie.Vi prego di darmi qualche speranza di prescrizione o altro..
    Vi ringrazio infinitamente

    • Simone Saintjust 2 settembre 2011 at 16:41

      Molto probabilmente le stanno chiedendo gli importi non per la fideiussione da lei prestata, ma in qualità di erede dei debiti assunti da suo padre. Se lei non ha rinunciato esplicitamente all'eredità, l'ha implicitamente accettata. E come erede accettante, risponde dei debiti del de cuius.

      Per capire se è intervenuta la prescrizione decennale, qualora non ritenesse di affidarsi - per il momento - ad un legale, può richiedere direttamente alla Banca, con una raccomandata AR, gli estratti conto del debito accumulato dal suo genitore e le notifiche delle comunicazioni di messa in mora a lui inviate prima della morte.

      Per quanto attiene il fallimento cui lei accenna, purtroppo, la SAS non è società di capitali e, pertanto, non c'è alcuna distinzione fra patrimonio della società e quello personale dei soci.

      Mi spiace di non averle potuto rispondere quanto sperava.

1 16 17 18 19 20

Torna all'articolo