La prescrizione della cartella esattoriale o di pagamento

Alcuni tributaristi affermano che è possibile ritenere prescritta la cartella esattoriale dopo 5 anni (ed anche di meno, in dipendenza della tipologia dell’importo iscritto a ruolo).

Altri, invece, fissano per sicurezza un termine prescrittivo decennale.

La giurisprudenza tributaria, come spesso accade, è di controversa interpretazione. Ma dopo dieci anni dalla data di notifica della cartella esattoriale – in mancanza di comunicazioni interruttive o dell’attivazione di procedure di escussione forzata da parte del concessionario della riscossione – il titolo esecutivo può ritenersi, pacificamente, prescritto.

Ovviamente, nel momento in cui, trascorso tale periodo, vengano inoltrate ulteriori comunicazioni o esperite azioni di riscossione coattiva è necessario ricorrere, nei termini, per far valere l’intervenuta prescrizione della cartella esattoriale.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo La prescrizione della cartella esattoriale o di pagamento Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il 18 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il 30 agosto 2013 Classificato nelle categorie debiti prescrizione e decadenza - domande e risposte Etichettato con tag . Archiviato nella sezione FAQ – domande e risposte frequenti » FAQ su prescrizione e decadenza dei debiti Numero di commenti e domande: 0 Clicca qui per inserire un commento o porre una domanda

Approfondimenti e integrazioni

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere loggato per poter inserire un commento o un quesito.

.