Tributi locali - Termini di decadenza per la notifica della cartella

Dopo l'avviso di accertamento e l'iscrizione a ruolo, è prevista la notifica della cartella esattoriale tramite l'Agente della riscossione. Entro quali termini?

Il Decreto Legge numero 106/2005, che ha modificato l'articolo 25 del DPR numero 602/1973, non si riferisce ai tributi locali.

A colmare la lacuna è intervenuta la finanziaria del 2007 (Legge del 27 dicembre 2006, numero 296, comma 163) che ha stabilito:

"Per la riscossione coattiva dei tributi locali il relativo titolo esecutivo (cartella o ingiunzione) deve essere notificato al contribuente, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello in cui l'accertamento è divenuto definitivo".

In mancanza di un atto di accertamento, il termine suindicato coincide con la fine del terzo anno successivo a quello nel quale fu presentata la denuncia, o a quello per il quale la tassa è dovuta (Corte di Cassazione, sentenza numero 10590 del 9 maggio 2007, secondo cui "il titolo derivante dalla dichiarazione del contribuente equivale all'accertamento definitivo").

La norma si applica anche ai rapporti d'imposta “pendenti” al 1° gennaio 2007, data d'entrata in vigore della legge (comma 171).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tributi locali - termini di decadenza per la notifica della cartella.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Speranza 4 gennaio 2014 at 18:28

    Chiedo subito scusa per questa mia "aggiunta", spero di non abusare della Vs.cortesia e disponibilità, non ho compreso bene la frase
    "...In altre parole, al fine del rispetto di un termine pendente a carico del notificante, è sufficiente che l'atto sia tempestivamente consegnato all'ufficiale giudiziario (o al messo o alle poste)."
    Poichè la data ultima per non andare in prescrizione era il 31 dicembre, il fatto che ci sia la consegna da parte del Comune alle Poste in data 30 dicembre vuol dire che il Comune stesso ha notificato in tempo utile evitando la prescrizione...anche se a me è giunto il plico in data 3 gennaio?
    Mi scuso per il mio linguaggio semplice ma non sono un ‘tecnicò .Ringrazio sentitamente se poteste fornirmi questo ulteriore ‘tassellò .
    Cordialità e complimenti per la celerità di questo utilissimo servizio reso.
    Distinti saluti.

    • Ludmilla Karadzic 4 gennaio 2014 at 18:45

      Per carità, Speranza, la colpa è solo nostra perché ci facciamo spesso prendere dai tecnicismi.

      Dunque, il Comune è in regola con la pretesa perché aveva tempo fino al 31 dicembre. Per chi notifica, infatti, i termini di prescrizione e decadenza vanno calcolati in relazione alla data di spedizione dell'atto.

      Lei, invece, può far decorrere i termini utili (60 giorni) per impugnare la pretesa del Comune a partire dal 3 gennaio, giorno in cui ha ricevuto l'atto.

    1 2 3