CREDITI CONTRIBUTIVI - IL RUOLO DI RISCOSSIONE SPONTANEA

Si considera riscossione spontanea a mezzo ruolo (articolo 32 D. Lgs 46/99; Circ. 169 del 21/12/2004)  quella da effettuare:

  • a seguito di iscrizione non derivante da inadempimento (ad es. per la riscossione della tassa sui rifiuti solidi urbani);
  • quando la somma da iscrivere a ruolo è ripartita in più rate su richiesta del debitore.

Si tratta, quindi, di contribuenti che non hanno adempiuto al pagamento dei contributi alle scadenze previste e che hanno chiesto di regolarizzare la posizione mediante una domanda di dilazione. Per ciò che concerne l'INPS, il ruolo di riscossione spontanea è applicabile solo alla seconda delle precedenti ipotesi.

I crediti iscrivibili in ruolo spontaneo in quest'ultimo caso sono:

  1. i crediti scaduti e non pagati, eventualmente già contestati con avviso bonario, non ancora iscritti a ruolo;
  2. i crediti in fase legale;
  3. i crediti già iscritti a ruolo, ma non ancora notificati al contribuente.

Attenzione: si rammenta che in caso di dilazione di pagamento è fatto obbligo per l'assicurato di presentare domanda che comprenda tutti i debiti scaduti e non pagati ( dilazione di in fase amministrativa) e non solo quelli oggetto di cartella esattoriale notificata ( dilazione su ruolo ).

Per l'Iter procedurale cfr. Circ. 169 del 21/12/2004

Caratteristica del ruolo spontaneo è che il totale del carico iscritto a ruolo è diviso in un numero di rate uguali (ad es. € 4.400,00 : 22 RATE = € 200,00 PER RATA). Alla prima rata si deve aggiungere il costo della notifica della cartella esattoriale (pari ad € 5,56).

Le scadenze per il pagamento delle rate sono:

  1. la prima rata entro sessanta giorni dalla notifica della cartella esattoriale;
  2. la seconda rata entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza della prima rata;
  3. le rate successive entro l'ultimo giorno del mese.

Se l'ultimo giorno del mese è di sabato o festivo, la scadenza è spostata al primo giorno lavorativo successivo.

La cartella esattoriale deve contenere:

  1. il numero di ruolo e la data in cui è stato reso esecutivo;
  2. la causale di pagamento (somme dovute per dilazione);
  3. i codici tributo;
  4. il numero di rate iscritte a ruolo (che è rappresentato dal numero di rata in scadenza dopo il pagamento della rata denominata "in contanti");
  5. l'importo della singola rata che è formata da due articoli di ruolo (il primo relativo al capitale, il secondo agli interessi di dilazione);
  6. il periodo contributivo interessato dalla domanda di dilazione (amministrativa) con l'indicazione del primo e dell'ultimo anno di contribuzione (ad es. 01.1999 12.2006);
  7. il totale della cartella esattoriale.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su crediti contributivi - il ruolo di riscossione spontanea.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.