LA DECADENZA DEI CREDITI CONTRIBUTIVI

Per i contributi ed i premi non versati e per gli accertamenti notificati successivamente alla data del 1 gennaio 2004 l'istituto ha l'obbligo di iscrivere in ruoli resi esecutivi a pena di decadenza entro i seguenti termini (decreto legislativo 46/99 articolo 25 e 36 comma 6, modificato dall'art 4 della legge 350/2003):

Per i contributi o premi non versati dal debitore, entro il 31 dicembre dell'anno successivo al termine fissato per il versamento; in caso di denuncia o comunicazione tardiva o di riconoscimento del debito, tale termine decorre dalla data di conoscenza da parte dell'ente;

Per i contributi o premi dovuti in forza di accertamenti effettuati dagli uffici, entro il 31 dicembre dell'anno successivo alla data di notifica del provvedimento ovvero, per quelli sottoposti a gravame giudiziario, entro il 31 dicembre dell'anno successivo a quello in cui il provvedimento è divenuto definitivo.

Pertanto la mancata iscrizione a ruolo nei termini indicati determina per l'Istituto la perdita del diritto di iscrivere a ruolo e per il concessionario l'impossibilità di riscuotere la cartella esattoriale eventualmente emessa nonostante la decadenza del diritto di iscrizione a ruolo da parte dell'INPS.

Per porre una domanda sulle cartelle esattoriali clicca qui.

17 agosto 2013 · Paolo Rastelli

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la decadenza dei crediti contributivi.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.