La sospensione della cartella esattoriale

Tale provvedimento determina la sospensione della esecutività della cartella esattoriale ed autorizza il concessionario a non espletare gli atti esecutivi per il recupero del credito.

Rappresenta, altresì, un periodo neutro per il contribuente ai fini del regime sanzionatorio. In sostanza durante tale periodo non sono dovute le ulteriori somme aggiuntive né l'aggio in favore del concessionario.

La sospensione può essere disposta in qualsiasi momento, sia nel periodo intercorrente tra l'iscrizione a ruolo e la notifica della cartella, sia dopo la scadenza della stessa, sia qualora siano iniziati gli atti esecutivi da parte del concessionario.

La sospensione va adottata su disposizione del giudice o in autotutela dall'Ente esclusivamente nel caso di ricorso giudiziario contro il ruolo:  in tal caso il giudice può, con provvedimento motivato, disporre la sospensione del ruolo qualora sussistano gravi motivi.  Tenuto conto che è fatto obbligo al ricorrente di notificare il provvedimento emesso dal giudice al Concessionario, nessun provvedimento dovrà essere disposto dalla sede.

Oppure,  in termini di autotutela o su istanza presentata dal contribuente, può essere l'Inps stessa a decidere di operare approfondimenti normativi o di acquisire documenti prima di disporre l'eventuale sgravio. Ad esempio nel caso di:

  1. pagamento totale o parziale già effettuato, ma non ancora registrato negli archivi di gestione;
  2. cessazione di attività;
  3. situazioni eccezionali: la riscossione esattoriale può essere sospesa se si verificano situazioni eccezionali (ad es. eventi calamitosi), a carattere generale o relative ad un'area del territorio, in base a particolari decreti ministeriali che ne stabiliscono le modalità.
  4. dilazione di pagamento: si rende necessaria la sospensione considerato che all'atto della presentazione della domanda le somme aggiuntive contenute nella cartella esattoriale si cristallizzano e cominciano a decorrere i termini per il calcolo degli interessi di dilazione (delibera del Consiglio di amministrazione dell'Istituto n° 356/97).

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la sospensione della cartella esattoriale. Clicca qui.

Stai leggendo La sospensione della cartella esattoriale Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 17 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria cartella esattoriale - prescrizione e decadenza Inserito nella sezione prescrizione dei debiti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca