L'orientamento normativo che ha introdotto la portabilità gratuita del conto corrente

Come accennato nell'introduzione, Il decreto Investment compact ha approvato l'applicazione della direttiva europea che disciplina la portabilità del conto corrente, stabilendo un termine massimo di 13 giorni per il passaggio e la gratuità dell'operazione.

Così, qualora la banca non rispetti tale termine, scatta l'obbligo di risarcire il cliente in misura proporzionale al ritardo e alla disponibilità esistente sul conto al momento della richiesta di trasferimento.

In caso di richiesta di trasferimento del conto corrente, insieme a strumenti finanziari, ordini di pagamento e ulteriori servizi e strumenti collegati al conto, la portabilità non prevede oneri o spese a carico del consumatore.

Si tratta di una norma importante per i clienti bancari, che a seguito anche dei differenti costi dei conti correnti presenti sul mercato, potrà portare ad una maggiore concorrenza fra le banche.

Con le nuove disposizioni i clienti avranno meno remore ad effettuare il trasferimento del proprio conto e del deposito titoli da una banca all'altra.

Le banche dovranno inoltre risarcire eventuali ritardi nell'effettuazione del trasferimento.

In effetti, nell'ultimo anno soltanto l'8% dei correntisti ha scelto di cambiare banca, mentre sono migliaia gli italiani che rimangono con la vecchia banca, pagando un inutile sovrapprezzo.

Il consiglio agli utenti bancari è quindi quello di seguire da vicino i tempi di effettuazione dei passaggi e di pretendere che non vi siano oneri e spese nel trasferimento dei conti da una banca all'altra.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'orientamento normativo che ha introdotto la portabilità gratuita del conto corrente . Clicca qui.

Stai leggendo L'orientamento normativo che ha introdotto la portabilità gratuita del conto corrente Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 25 giugno 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info