Portabilità e rinegoziazione del mutuo secondo la convenzione ABI MEF del 19 giugno 2008

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Via il notaio sulla surroga - Il testo dell'accordo in tema di portabilità, dunque, è quanto mai chiaro: tutte le operazioni di rinegoziazione dei mutui e di portabilità sono esenti da imposte e tasse di qualsiasi genere. Al cliente non può essere addebitato alcun costo amministrativo, ivi incluse commissioni bancarie, conseguenti alle operazioni di rinegoziazione e per tutta la durata residua del mutuo, anche sulle eventuali rate aggiuntive finali, e neppure costi notarili. Un accordo che porta la firma dell'Abi, e che quindi dovrebbe essere applicato da tutte le banche. Tutta l'intesa, d'altra parte, punta a garantire - finalmente - la massima informazione al cliente, non solo e non tanto sulla possibilità di aderire alla proposta di rate "calmierate" ma anche e soprattutto di scegliere le altre opzioni più convenienti. L'adesione alla convenzione non è obbligatoria, ma non c'è dubbio che la scelta di aderire non potrà che avere un ritorno d'immagine positivo. Infatti da un lato consente di offrire comunque condizioni migliori, e dall'altro offre una notevole visibilità alle banche che aderiscono, che faranno parte di un elenco consultabile on line.

Rinegoziare diventa un diritto per i clienti - Rinegoziare, infatti, diventa un diritto a tutti gli effetti e per questo le banche dovranno fornire ai clienti interessati una informativa trasparente, chiara ed esaustiva sulle varie opportunità di scelta, e cioè:
- continuare a rimborsare il mutuo secondo il piano di ammortamento in corso;
- proporre a banche e intermediari una rinegoziazione delle condizioni del mutuo in essere,
da concordare appositamente;
- avvalersi della portabilità del mutuo;
- ricorrere alla rinegoziazione dei mutui con la rata calmierata;
- usufruire anche di più di una di tali diverse opportunità, in particolare cumulando portabilità e rata calmierata.

I mutui interessati - Posto che tutti possono scegliere una delle prime tre opzioni, la convenzione prevede che il passaggio da variabile a fisso calmierato riguardi i mutui a tasso variabile stipulati fino a tutto il 28 maggio scorso, purché finalizzati all'acquisto, costruzione, ristrutturazione dell'abitazione principale. Per abitazione principale quella in cui il proprietario o il coniuge o i parenti entro il terzo grado o gli affini entro il secondo grado dimorano abitualmente. Possono usufruire della rinegoziazione anche i contratti frutto di accollato, i mutui del costruttore, e quelli cartolarizzati. Possibilità di accedere alla convenzione anche per i mutuatari inadempienti alla data del 28 maggio rispetto a rate pregresse del mutuo.

I dettagli dell'operazione - La rinegoziazione garantisce la riduzione delle rate con scadenza successiva al 1° gennaio 2009 ad un ammontare pari a quello della rata che si ottiene applicando all'importo e alla scadenza originari del mutuo il tasso di interesse come risultante dalla media aritmetica dei tassi applicati ai sensi del contratto nell'anno 2006. La differenza tra l'importo della rata dovuta secondo il piano di ammortamento originario e quello della rata rinegoziata è addebitata su di un conto di finanziamento accessorio. Il conto produce interessi, capitalizzabili annualmente, al tasso più favorevole per il cliente tra quello che si ottiene in base all'IRS a dieci anni, maggiorato, di uno spread di 0,50 punti percentuali e quello contrattualmente previsto, come determinati alla data di rinegoziazione. Sono anche addebitate nel conto di finanziamento accessorio le eventuali rate scadute e non pagate prima del 29 maggio 2008.

Se i tassi scendono si torna al variabile - Al termine della durata originaria del mutuo si faranno i conti: se il conto accessorio risulta a debito, l'importo è rimborsato dal cliente sulla base di rate costanti di importo uguale all'ammontare della rata risultante dalla rinegoziazione e allo stesso tasso a cui è regolato il conto accessorio. Se i invece tassi dovessero scendere e la differenza tra l'importo della rata dovuta secondo il piano originario quello della rata rata fosse positivo, la differenza andrà a ridurre l'importo del conto di finanziamento accessorio e quando qualora questo dovesse essere azzerato si riprenderà a pagare il mutuo rinegoziato con il nuovo taso variabile più favorevole.

Proposta entro tre mesi - Per far conoscere tutte le opportunità le banche dovranno inviare a tutti i sottoscrittori di mutui una proposta, scritta e datata, nella quale sono elencate in modo esplicito le diverse opportunità. La proposta riporterà poi i contenuti dell'offerta di rinegoziazione con rata calmierata, e tutti gli elementi che consentano al mutuatario di valutare gli effetti della rinegoziazione in termini di riduzione dell'importo delle rate nonché le possibili implicazioni sulla durata del mutuo in funzione dell'evoluzione dei tassi di interesse. L'accettazione della proposta assicura la riduzione dell'importo delle rate del mutuo da corrispondere a partire quanto meno dal terzo mese successivo al mese di comunicazione dell'accettazione della proposta medesima, relativamente alle rate del mutuo in scadenza successivamente al 1° gennaio 2009.
I clienti che rinegoziano riceveranno poi annualmente una comunicazione informativa, completa e chiara, sull'andamento della loro posizione, e sull'esposizione complessivamente derivante dall'operazione di rinegoziazione in termini di debito residuo e saldo del conto di finanziamento accessorio.

Tutte le banche on line - L'elenco delle banche che aderiscono alla convenzione sarà pubblicato sui siti dell'Abi e del ministero, dove si potranno trovare anche le condizioni, anche migliorative, offerte in via generalizzata alla clientela. Sull'operazione vigilerà poi un Osservatorio permanente costituto da rappresentanti delle banche, del ministero e delle associazioni dei consumatori.

25 giugno 2008 · Piero Ciottoli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Giacomo 25 settembre 2008 at 14:25

    Completamente preso in giro dal MPS: mi fanno credere per tre mesi che i mutui modulari rientrano nel decreto, mi metto tranquillo pensando di ritornare a pagare una rata simile a quella del 2006, poi a settembre mi gelano dicendo che i modulari non rientrano nel decreto. Chi conosce banche che hanno fatto rientrare i modulari nel decreto? Sto pensando di fare esposto e ricorrere al Giuri Bancario, vi ringrazio per ogni informazione possiate darmi al proposito

1 24 25 26