\n\n

La portabilità del mutuo obbligo di legge e risarcimento del cliente per ritardi nel trasferimento alla nuova banca il decreto anticrisi recentemente approvato comprende un emendamento in favore di tutti coloro che abbiano intenzione di accendere in mutuo

  • fabiana cenci 14 settembre 2009 at 11:17

    La portabilità del mutuo obbligo di legge e risarcimento del cliente per ritardi nel trasferimento alla nuova banca

    Il decreto anticrisi recentemente approvato comprende un emendamento in favore di tutti coloro che abbiano intenzione di accendere in mutuo.

    Il nuovo decreto prevede infatti il pagamento di una penale per tutti gli istituti bancari rei di non agevolare la riconversione del mutuo presso un'altra banca.

    La manovra di riconversione è già attiva da diversi mesi.

    In pratica è una portabilità di mutuo e consiste nella possibilità per il cliente di poter trasferire il mutuo dalla banca dove è stato acceso a una banca che proponga condizioni più favorevoli.

    Se la portabilità del mutuo è diventata praticamente obbligo di legge, è pur vero che molte banche non hanno la minima intenzione di facilitare la procedura inventandosi inutili difficoltà e cavilli burocratici.

    La penale che la banca dovrà eventualmente pagare equivale all'1% dell'importo.

    La penale dovrà essere pagata direttamente al cliente entro 30 giorni dalla firma di surroga e portabilità del mutuo. In realtà i tempi potrebbero allungarsi, ma la banca cercherà da adesso in poi di essere maggiormente competitiva sul mercato.

    Attenzione: ricordate che in caso di portabilità le spese di istruttoria risultano sempre a carico della vecchia banca e non del cliente.

1 6 7 8 9 10 13

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Torna all'articolo