Recupero crediti e minaccia pignoramento

L'ultima lettera ricevuta dalla recupero crediti - con intestazione del loro studio legale - (aprile/maggio di quest'anno) diceva che se non pagavo procedevano per le vie legali.

Il contratto di lavoro mi scade al 31 marzo 2011.

Possono essere così veloci per un pignoramento presso terzi?

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su recupero crediti e minaccia pignoramento.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • fallimento 23 novembre 2012 at 06:50

    Sono rimasto vittima , mia malgrado, di un fallimento immobiliare nei primi anni 90 dopo varie peripezie alla fine del 2003 il curatore fallimentare scioglie i preliminari di vendita e chiede la restituzione dell'immobile purtroppo per mia inesperienza detto immobile viene da me restituito nel 2011 sotto "sollecitazione della curatela fallimentare" ma qui ancora poco importa il problema sta nel fatto oltre che l'immobile lo avevo pagato per intero con i miei risparmi adesso ed è qui il problema il curatore "desidera un indennità per l'occupazione dell'immobile" che quantifica in euro 45000,00.

    Io però nel frattempo ho continuato a vivere ed adesso mi ritrovo con un primo mutuo a 30 anni per comprare un altra casa di proprietà e residenza con rata 360 un secondo mutuo a 20 anni per ristrutturare casa di mia moglie (separazione di beni) di euro 270, un credito personale a 12 anno con rata di euro 350, un altro credito personale di otto anni con rata di 91.

    Insomma tenendo presente che i due mutui sono da considerare a meta tra me e mia moglie come rate io sono impegnato per euro 700 circa su uno stipendio netto di 1900 ( tenendo pero presente che lo stipendio di mia moglie sono 600 euro).

    Parlando con il mio avvocato mi ha detto che se non pago una volta che il curatore avrà vinto la causa potrà attaccare l'immobile di mia proprietà con ancora 29 anni di mutuo e pignorarmi un 1/5 dello stipendio.

    Domande - Fino a che punto? gli impegni finanziari già presi senza che ad oggi vi sia ne una sentenza di condanna nei miei confronti a pagare queste somme ne tanto meno un qualsiasi atto di pignoramento non vengono prima? una casa ipotecata ancora per 29 anni può essere aggredita? (valore immobile 130 mila mutuo 110 mila). Fino a quale importo il mio stipendio nel mio caso può essere pignorato? fare una cessione volontaria del quinto? Consigli?

    • Ornella De Bellis 23 novembre 2012 at 08:00

      Che gli immobili siano gravati da mutui ipotecari non costituisce un problema per il creditore. Potrà iscrivere ipoteche di secondo grado ed attendere. Oppure vendere il credito garantito da ipoteca. Nel frattempo lei e sua moglie continuerete a lavorare per lui, servendo i debiti ipotecari primari.

      Inutile girarci intorno. Un debitore nelle sue condizioni non può permettersi il lusso di possedere immobili. La vendita a terzi, non professionisti (non società o agenti immobiliari), a prezzi di mercato (meglio se l'acquirente destinerà la casa ad abitazione principale) costituisce soluzione a prova di qualsiasi azione revocatoria intentata dal creditore.

      Se, invece, si preferisce rischiare comunque, allora è possibile costituire diritti in capo a terzi sugli immobili in odore di pignoramento ed espropriazione forzata, il che rende minime le possibilità di una assegnazione in sede d'asta. Ad esempio, una separazione legale con assegnazione della casa all'ex coniuge o un contratto di locazione ventennale stipulato con terzi (non familiari, compresi affini e parenti di terzo grado). Ancora, si può ricorrere all'alienazione della nuda proprietà. L'usufrutto in capo al debitore, infatti, anche se pignorabile, esclude la possibilità di espropriazione della nuda proprietà. Escluderei il ricorso alle donazioni, revocabili su istanza del creditore più sprovveduto.

      Anche ottenendo un prestito con cessione del quinto, la quota pignorabile non sarà soggetta a riduzione. Rate mensili di mutui e prestiti personali non hanno alcuna influenza nel pignoramento di stipendi e pensioni. L'unico baluardo è rappresentato dal miserevole importo del "minimo vitale". Parliamo di un rateo inferiore ai 500 euro mensili.

      Solo con una cessione del quinto (20%) contestuale ad un pignoramento dello stipendio su istanza dell'ex coniuge (33%) si riesce a raggiungere la fatidica soglia del 50% di stipendio pignorato, rendendo dunque formalmente inattaccabile la quota residua. Ho scritto formalmente perchè il creditore (mi riferisco al curatore fallimentare) che non trova capienza per il rimborso di quanto preteso, potrebbe eccepire che sullo stipendio del debitore va pignorato, in favore dell'ex coniuge, un importo pari al 33% dello stipendio del debitore utile a coprire il credito alimentare (i 500 euro) e non il 33% inteso come quota utile a garantire l'assegno di mantenimento fissato in sede di separazione legale (che come sappiamo è finalizzato ad assicurare, all'ex coniuge, un livello di vita simile a quello goduto prima del matrimonio, ma non è certo funzionale alla sopravvivenza).