Pignoramento presso terzi da equitalia per cartelle esattoriali

Sono titolare di una partita iva ditta individuale artigiana ed a causa dei debiti presso enti previdenziali poi divenuti cartelle esattoriali equitalia non posso prendere il durc per effettuare appalti.

Voglio sapere se aprendo una nuova partita iva come artigiano individuale o come socio di una srl equitalia potrebbero effettuare il pignoramento dei miei eventuali crediti derivati dai lavori in appalto per mezzo di un pignoramento presso terzi.

Poi, potrebbero eventualmente pignorare le mie quote della srl?

10 gennaio 2013 · Marzia Ciunfrini

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento presso terzi da equitalia per cartelle esattoriali.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Anna Luna 10 marzo 2013 at 15:06

    Da marzo 2010 risiedo in Spagna; nell'agosto dello stesso anno mi sono regolarmente iscritta all'AIRE (associazione italiani residenti all'estero) come richiesto dalla legge italiana, senza sapere -all'epoca- che questo avrebbe comportato l'impossibilitá / il divieto di utilizzare la tessera sanitaria italiana qui in Spagna. L'anno scorso necessitai in due occasioni di assistenza medica e la ricevetti presentando appunto la tessera sanitaria italiana (in quel periodo –per mia ignoranza della legislazione- non avevo ancora fatto richiesta allo Stato spagnolo dell'assistenza sanitaria “per persone senza risorse”). A gennaio di quest’anno ricevo una raccomandata dall'azienda Ulss della zona dove risiedevo in Italia, con la quale mi viene comunicato il mio uso improprio della tessera sanitaria (data l'iscrizione all'AIRE), la richiesta di pagamento immediato di circa 130,00€ (somma che il sistema sanitario spagnolo ha addebitato alla Sanitá italiana per assistenza medica in territorio spagnolo) e l'obbligo di restituire la tessera sanitaria italiana. Io, per varie ragioni, a tutt’oggi non ho pagato la suddetta cifra.

    Una decina di giorni fa ho trovato nella cassetta della posta la comunicazione della tentata consegna di una raccomandata proveniente dall'Italia, il cui mittente é Equitalia. Non sono andata in posta a ritirarla e non ho intenzione di farlo (per il dubbio che possa trattarsi di una cartella esattoriale), per cui non so con certezza il motivo di questo contatto da parte di Equitalia, peró suppongo che possa essere relazionato al tema sopra esposto (vista la successione temporale dei fatti), anche se ricordo di aver lasciato in sospeso in Italia una multa per limite di velocitá risalente a luglio 2009 ed uno o due bolli auto.

    Le mie domande sono le seguenti:

    - non avendo io nessuna proprietá personale né entrate di nessun tipo (né in Italia né qui in Spagna), potrebbe Equitalia pretendere la riscossione dalla mia famiglia in Italia? Trattasi di mia madre e di mio fratello: possono essere considerati come coobbligati al pagamento?

    - potrebbe Equitalia recuperare il credito forzatamente rintracciando il mio conto corrente spagnolo ed entrandovi? (in tale conto ci sono la bellezza di 460,00 –quattrocentosessanta- €…).

    - in poche parole: in una situazione come la mia, cosa potrebbe fare Equitalia per recuperare un eventuale credito, considerando che non risulta notificatami nessuna sua cartella?

    Grazie per la Vostra professionalitá e il Vostro aiuto

    Anna Daniele

    • Annapaola Ferri 10 marzo 2013 at 16:16

      E' inutile non ritirare un atto il cui tentativo di consegna non va a buon fine per temporanea irreperibilità del destinatario. La notifica si perfeziona comunque e l'unico risultato rimane, per il destinatario, quello di non conoscerne il contenuto.

      I suoi debiti con Equitalia non possono essere richiesti ai suoi familiari. Quelli di origine tributaria (non le multe e non le sanzioni per uso improprio della tessera sanitaria) potranno essere addebitati ai suoi eredi, di qui a cent'anni, se non rinunciano all'eredità.

      Il pignoramento del conto corrente spagnolo è in teoria possibile. Ma assolutamente improbabile che un creditore si sottoponga, seppur in ambito comunitario, alle relative spese di recupero per un un credito di poche centinaia di euro.

      In pratica, se la sua situazione economico patrimoniale resta quella che lei ci descrive, Equitalia non può mettere in atto azioni esecutive convenienti per il creditore. Le auguro che la situazione possa cambiare.