Pignoramento dello stipendio e del trattamento di fine rapporto [Commento 3]

  • Lucia Alessia 28 ottobre 2013 at 13:19

    Se io cambiassi residenza? Presso un parente che vive in affitto in un appartamento già ammobiliato? Entro che tempi potrei cambiare la residenza? Non ho ancora ricevuto nemmeno una raccomandata di sollecito.
    Una volta cambiata residenza, devo subito comunicare alle banche e finanziarie con racc a/r? Nel caso io cambiassi residenza i miei genitori possono respingere le mie raccomandate?

    • Ornella De Bellis 28 ottobre 2013 at 13:49

      Formalmente lei deve cambiare la residenza prima che le venga notificato il precetto. (qui trova info utili per comprendere l'iter).

      Una volta trasferita la residenza anagrafica prima che abbiano avuto inizio le procedure esecutive, è onere del creditore individuare il luogo dove effettuare le notifiche al debitore. Il creditore deve, in altre parole, procedere alle necessarie ricerche anagrafiche per poter notificare il precetto (o altro).

      I suoi genitori possono (e devono) non accettare gli atti indirizzati alla figlia, indicando all'agente notificatore che quest'ultima ha trasferito la residenza da tempo e che con la destinataria della comunicazione non intercorre più alcun rapporto. Farebbero bene anche a pretendere dall'agente notificatore una relata del tentativo di notifica andato a vuoto.

      Questo per rispondere alla sua domanda, nell'ipotesi che lei si preoccupi di non voler caricare i propri genitori di fastidi e/o responsabilità ulteriori. Ma, corre l'obbligo di precisare che, nel caso in cui le fossero notificati degli atti all'indirizzo di residenza, un eventuale rifiuto a ritirare le comunicazioni a lei indirizzate (o anche l'accorgimento di rendersi temporaneamente irreperibile) non le eviterebbe il perfezionamento della notifica per compiuta giacenza.

1 2 3 4 5 7

Torna all'articolo