Pignoramento stipendio e cessione quinto [Commento 1]

  • armonico 14 settembre 2012 at 15:48

    che mezzi ci sono per far intendere al giudice che ha firmato l'ingiunzione che il debitore non ha nulla e quello che rimane dello stipendio non basta neanche per una marca da bollo per rispondergli .(ma la legge e uguale per tutti)

    • Annapaola Ferri 14 settembre 2012 at 16:55

      Non c'è modo. Semplicemente per il fatto che il giudice deve applicare la legge. E la legge dice che se la pretesa del creditore è fondata, il giudice deve autorizzare il pignoramento del 20% dello stipendio alla fonte, se c'è capienza (e la capienza è influenzata solo da precedenti cessioni del quinto e/o da pignoramenti già in corso). Se il giudice non procedesse, perchè magari sensibilizzato dalla situazione di disagio del debitore, il creditore lo inviterebbe dapprima a fare il generoso rimborsando il credito e poi, lo denuncerebbe per non aver applicato quanto previsto dalle norme che regolano la pignorabilità dello stipendio del debitore.

Torna all'articolo