Pignoramento presso la residenza del debitore - L'ufficiale giudiziario prima di eseguire un pignoramento effettua una ricerca anagrafica del debitore

L'ufficiale giudiziario prima di eseguire un pignoramento presso la residenza del debitore effettua una ricerca anagrafica.

Non è che arriva al condominio e chiede dove abita il debitore al primo inquilino che trova.

Inoltre, sono certo che la residenza da lei dichiarata è comunque contraddistinta, in anagrafe, da un interno, da una scala o da entrambi gli elementi.

Presumo che l'ufficiale giudiziario, nel caso di un pignoramento presso la sua residenza, non si lascerà condurre facilmente in casa di sua madre.

Anche perchè vengono rese, durante il pignoramento, dichiarazioni che se false potrebbero anche avere risvolti e conseguenze penali.

11 gennaio 2013 · Marzia Ciunfrini

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento presso la residenza del debitore - l'ufficiale giudiziario prima di eseguire un pignoramento effettua una ricerca anagrafica del debitore.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • sebastiano1 19 febbraio 2013 at 11:32

    Premetto di essere separato "in casa" dal 2006. con l'omologa della separazione LA CASA CONIUGALE CON I MOBILI DI ARREDO sono stati assegnati a mia moglie. Avendo la residenza sepre presso lo stesso indirizzo in quanto non ho la possibilità di uscire di casa, l'ufficiale giudiziario si è presentato a casa da mia moglie e ha pignorato diversi mobili pur dichiarando che erano suoi senza poterlo dimostrare.Per il futuro pensavo di fare un contratto di comodato d'uso, ma per questi che posso fare?

    Grazie.

    • Annapaola Ferri 19 febbraio 2013 at 11:42

      L'orientamento giurisprudenziale è cambiato, negli ultimi tempi. Il contratto di comodato, regolarmente registrato, da cui di evince che il debitore non proprietario dei beni presenti nella casa in cui egli risiede non basta più.

      Sul tema, può consultare questo articolo.

      L'unica è quella di acquistare a prezzo vile, da un rigattiere o da un robivecchi, con fattura intestata al convivente non debitore, mobili simili, nella descrizione, a quelli che già arredano casa.