Riscossione coattiva esattoriale - Divieto di pignoramento sulla prima casa

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Per ciò che riguarda il divieto di pignoramento dell'abitazione principale, lo stop riguarda, secondo Equitalia, anche le pertinenze, sempre che l'immobile abbia destinazione d'uso catastale abitativa.

Riguardo all'abitazione principale, ai fini della previsione di impignorabilità occorre non solo che l'immobile sia l'unico bene, non di lusso del debitore, ma anche, secondo la nota Equitalia, che abbia una destinazione d'uso catastale abitativa. Non conta quindi l'utilizzo abitativo di fatto.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Ornella De Bellis 21 agosto 2013 at 12:42

    La concessione della dilazione fino a 120 rate potrà avvenire nelle circostanze in cui il debitore si trovi, per motivi diversi dalla propria responsabilità, in una accertata e grave situazione di difficoltà legata alla congiuntura economica. La norma, a tal proposito, richiede la presenza di due condizioni; l'impossibilità per il contribuente di assolvere il pagamento del credito tributario secondo un piano di rateazione ordinario (72 rate) e la solvibilità in base al numero massimo di rate concedibili con le nuove disposizioni.