Cercare di evitare pignoramento

L'unico consiglio che posso darle è di rendere nota, ai comproprietari dell'immobile, la situazione in cui lei versa perchè arrivare al pignoramento, ed alla successiva vendita all'asta dell'immobile, comporterà danni economici notevoli a lei ed ai comproprietari.

Questi ultimi, come ho già avuto modo di spiegarle, potranno successivamente rivalersi su di lei, ma con che risultati, vista la situazione, è facile immaginarlo.

La soluzione più vantaggiosa, per lei e per gli altri, è quella di un accordo che preveda la cessione della sua quota di proprietà a fronte del pagamento contestuale dei creditori.

L'obiettivo può essere raggiunto attraverso:

1) la valutazione del valore commerciale dell'immobile;

2) la quantificazione della sua esposizione debitoria;

3) la definizione di un concordato con i creditori (a questa fase dovranno partecipare i comproprietari dell'immobile) finalizzato ad ottenere un sensibile sconto rispetto al valore nominale del debito;

4) la liquidazione del debito accompagnata dalla contemporanea cessione della sua quota di proprietà.

I vantaggi sono evidenti:

a) la riduzione del valore nominale del debito grazie ad un rientro dall'esposizione debitoria concordato a saldo e stralcio;

b) la valutazione delle quote di proprietà dell'immobile in base al valore commerciale e non a quello determinato dall'asta;

c) la conservazione del possesso dell'immobile da parte degli altri due comproprietari;

d) un conguaglio remunerativo per lei, assolutamente vantaggioso in quanto correlato al valore commerciale dell'immobile ed all'importo concordato a saldo con i creditori.

Questo è il percorso razionale alla soluzione del suo problema.

Non potrò invece supportarla oltre nell'assecondare un suo atteggiamento evidentemente emotivo, punitivo ed autolesionista.

8 gennaio 2013 · Simone di Saintjust

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca