Pignoramento del quinto dello stipendio e contemporaneo pignoramento del conto corrente

In seguito ad un pignoramento del quinto sullo stipendio con accredito dello stesso su conto corrente postale (pignorato), il mio datore ha la possibilità di trattenere l'intero stipendio (il quinto + parte erogabile) non erogando quindi neanche un euro, contando che ho fatto richiesta scritta affinchè la parte erogabile mi venisse data tramite assegno e che non venisse più accreditata sul conto corrente?

Mi è stato detto che è necessaria una istanza del giudice per liberalizzare la parte residua, ovviamente dedotto il quinto.

Com’è possibile?

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento del quinto dello stipendio e contemporaneo pignoramento del conto corrente.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.