Pignoramento ingiusto per non aver pagato tassa rifiuti

Il comportamento di queste società cui viene affidata dai comuni la concessione per la riscossione di tributi locali, come la tassa ambientale o quella relativa ai rifiuti solidi urbani, è certamente inqualificabile.

Commettono errori con disinvoltura, indifferenti ai disagi che creano ai cittadini esigendo loro importi non dovuti, trincerandosi dietro l'impunità e la burocrazia.

D'altra parte è giustificabile il comportamento del contribuente vessato, come lei, che ritiene ingiusto perdere ore o giornate di lavoro per correre dietro agli sportelli delle concessionarie per far valere le proprie sacrosante ragioni.

Ma, così, si entra in un circolo vizioso e se ne esce, il più delle volte perdenti. Cornuti e mazziati, come si dice a Napoli. Con il pignoramento ingiusto del quinto dello stipendio, magari, per somme ridicole.

Ci vuol poco a capire che il nostro comportamento incoraggia questo modo di fare. Spedire una e-mail, seppur ad un indirizzo messo in bella mostra sul sito web di queste Concessionarie, senza un riscontro e senza la disponibilità di una PEC, equivale a non fare nulla.

Se non si vuole andare a notificare allo sportello, esigendo il numero di protocollo, un'istanza in autotutela corredata da copia dei bollettini di avvenuto pagamento, bisogna almeno ricorrere alle poste convenzionali. Certo accollandosi la spesa di una raccomandata AR.

Non è giusto, non vale, non è corretto. Ma, non c'è altro da fare. Come nulla possiamo fare dopo che ci è capitata una disgrazia.

25 novembre 2011 · Rosaria Proietti

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento ingiusto per non aver pagato tassa rifiuti.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.