Stipendi e pensioni - Impignorabilità del minimo vitale e dell'assegno sociale

Le somme dovute a titolo di stipendio/salario o altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento (TFR), possono essere pignorate entro il limite della misura di un quinto (20%).

Stesso limite del 20% anche per il pignoramento delle pensioni. Per queste ultime, tuttavia, la Corte costituzionale ha sancito l'impignorabilità di quella parte della pensione necessaria a garantire al pensionato mezzi adeguati alle esigenze di vita, lasciando peraltro al legislatore l'onere di quantificarla.

Purtroppo la legge non non ha ancora individuato l'importo minimo vitale. Si è reso necessario, allora, ricorrere all'interpretazione analogica per colmare la lacuna normativa creatasi con la pronuncia della Corte. La prassi giuridica concorda nel prendere a riferimento l'importo dell'assegno sociale, la cui ratio è proprio quella di assicurare ai cittadini ultrasessantacinquenni, in disagiate condizioni economiche, come reddito sufficiente per le minime esigenze di vita.

Tale importo è stato fissato dall'articolo 38 Legge 28 dicembre 2001, numero 448, in misura pari ad euro 516,46 al mese per tredici mensilità

Pertanto, le somme pignorate presso l'INPS, dovute al debitore a titolo di pensione, risultano impignorabili nella misura del rateo mensile appena indicata. Logica conseguenza di quanto finora discusso è anche l'assoluta impignorabilità dell'assegno sociale (pensione minima).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su stipendi e pensioni - impignorabilità del minimo vitale e dell'assegno sociale.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.