Purtroppo a gennaio di quest'anno ho ricevuto nella stessa data due atti di pignoramento presso terzi da due diversi creditori,uno con udienza il 25 febbraio e uno il 18 marzo scorsi

  • libero 8 aprile 2014 at 20:43

    Purtroppo a gennaio di quest'anno ho ricevuto nella stessa data due atti di pignoramento presso terzi da due diversi creditori,uno con udienza il 25 febbraio e uno il 18 marzo scorsi.
    Il giudice nel primo mi ha ridotto ad 1/6 il pignoramento dello stipendio e nella seconda udienza ha confermato anche per l'altro debito sempre 1/6 dello stipendio che però va ad accodarsi al primo, cioè quando ho terminato di risarcire il primo comincio con il secondo. Purtroppo i verbali dei due processi a tutt'oggi devono ancora arrivare sia a me che alla ditta in cui lavoro che però in mancanza di questi continua ad accantonarmi 1/5 dello stipendio più un altro 1/5 contemporaneamente ogni mese, ma è regolare questo? Io praticamente vado avanti con mezzo stipendio.

    • Ludmilla Karadzic 8 aprile 2014 at 21:10

      Il suo datore di lavoro sta commettendo un arbitrio. Può rivolgersi ad un avvocato per diffidarlo a non operare trattenute fino a quando non gli sarà stato notificato l'atto di pignoramento con l'aliquota di prelievo stabilita dal giudice.

1 3 4 5 6 7 13

Torna all'articolo

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info