Pignoramento del conto corrente - Quando il terzo pignorato è la banca

Il terzo pignorato, ovvero la filiale presso la quale l'esecutato è correntista, dal momento della notifica diviene custode delle somme pignorate ed è tenuto a rendere entro il termine di dieci giorni, con raccomandata o PEC, la dichiarazione.

Se il conto corrente, al momento della notifica, è capiente, la dichiarazione sarà positiva.

In questo caso la banca, che dovrebbe limitarsi vincolare il conto sino a concorrenza dell'importo indicato in atto di pignoramento, bloccherà di fatto l'intero saldo (anche se questo è di gran lunga superiore al debito per cui si procede) per poi corrispondere al creditore istante il dovuto.

Questa politica degli istituti di credito, che non appare affatto coerente con la normativa vigente è stata, purtroppo, approvata da giurisprudenza consolidata.

Tale modus operandi, però, è fonte di gravi disagi per il debitore, il quale non potrà prelevare le ulteriori somme depositate fino alla successiva ordinanza di assegnazione del giudice.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento del conto corrente - quando il terzo pignorato è la banca.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.