Pignoramento presso residenza debitore - contratto comodato uso

Sono veramente super indebitato e non sto a spiegarvi i casini che mi sono successi (perdita del lavoro e vivere praticamente separati in casa con mia moglie perchè non ci possiamo permettere neanche il divorzio) Ma mi sembra di capire che se cambio residenza (magari a casa di mia madre) con le dovute accortenze cioè "facendo un atto" che dica che io in quella casa non ho niente di mio, posso evitare il pignoramento mobliliare? Cosa devo fare e come lo devo fare? Chi mi può aiutare avrà un mese di preghiere gratis ogni sera per la sua anima Grazie Raffaele

da antonio iuri donati

Confermo quanto già  detto da altri, ma con alcune precisazioni: a) il contratto di comodato d'uso gratuito non deve essere fatto dal notaio, ma è sufficiente una scrittura privata, quello che rileva è la registrazione della stessa presso l'ufficio del registro; b) il rischio di revocatoria, con conseguente pignoramento dei beni, incombe sempre laddove il contratto sia successivo all'accensione dei debiti; in questo caso tuttavia sarebbe sempre possibile fare opposizione al pignoramento.

8 maggio 2011 · Simone di Saintjust

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento presso residenza debitore - contratto comodato uso.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.