Pignoramento per debito con equitalia presso chi mi ha ospitato

Equitalia e possibile pignoramento presso chi mi ha ospitato

Tre anni fa mi sono trovato costretto a chiudere la mia attività commerciale e per evitare il fallimento mi sono indebitato con varie banche chiedendo prestiti e fidi per pagare tutti i fornitori, cosa che pochi avrebbero fatto.

Dopo due anni senza un lavoro stabile, ora ho un lavoro e riesco a pagare regolarmente tutte le rate dei vari mutui e prestiti, intestati a me e a mia moglie.

Purtroppo non sono riuscito a pagare le pendenze con lo stato, qualche piccolo fornitore, finanziaira auto e carte di credito.

Da due anni viviamo a casa di terzi, abbiamo li la residenza ma effettivamente di mio c'é veramente poco quasi solo oggetti personali, e una macchina che ormai non vale nulla. Purtroppo non riesco a pagare i debiti con Equitalia e gli altri, o pago i mutui o il resto, la mia busta paga e quella di mia moglie ci permettono malapena di sopravvivere, considerando che abbiamo anche due figli piccoli.

La mia paura é che quando Equitalia deciderà di fare il pignoramento possa coinvolgere i proprietari che gentilmente ci hanno ospitato, proprietari che comunque sono parenti.

Come posso evitare questo, posso fare una lista precisa delle cose che mi appartengono? Io e mia moglie siamo in separazione dei beni

Quando viene l'ufficiale giudiziario ho la possibilità di dirgli cosa é mio e cosa non lo é?
Il proprietario si puo opporre al sequestro dichiarando che casa mobili e altre cose sono di sua proprità?

Cosa può fare Equitalia se io non riusciró mai a pagare il debito, considerando che ho venti anni di mutui da pagare con rata complessiva di oltre mille euro al mese .....

Il pignoramento presso la residenza del debitore è l'ultimo dei problemi

Quello dell'eventuale pignoramento dei mobili della casa in cui lei è ospitato mi sembra essere l'ultimo dei problemi.

Si risolve stipulando con l'ospite un contratto di comodato che bisogna registrare all'Agenzia delle Entrate. Se cerca nel forum vi trova approfondimenti sul tema.

Tuttavia, non credo che Equitalia procederà in tal senso. Piuttosto pignorerà il 20% del suo stipendio netto rivolgendosi direttamente al datore di lavoro.

Potrebbe allora valutare la possibilità di sospendere anche gli altri pagamenti, se ritiene di non poter sostenere il carico delle rate mensili.

Alla fine, si vedrà pignorato al massimo il 20% per i debiti con Equitalia (dipende dall'entità dello stipendio da lei percepito) ed un altro 20% per i debiti assunti con tutti gli altri creditori.

15 ottobre 2012 · Gennaro Andele

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento per debito con equitalia presso chi mi ha ospitato. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento per debito con Equitalia presso chi mi ha ospitato Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 15 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca